Scuola, arrivano risorse aggiuntive per 50 milioni: "Una boccata d'ossigeno"

Cinquanta milioni in più per il Fondo di funzionamento amministrativo delle scuole. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha inviato la lettera che comunica lo stanziamento a tutte le istituzioni scolastiche. Il fondo per l’anno scolastico 2014/2015 passa quindi da 111 a 161 milioni di euro.
Tale incremento, pari al 45% del Fondo di funzionamento stanziato inizialmente, è stato assegnato alle istituzioni scolastiche sulla base dei criteri oggettivi che tengono conto della tipologia dell’istituzione scolastica, della consistenza numerica degli alunni, del numero degli alunni diversamente abili, del numero di plessi e sedi in cui si articola la scuola, oltre la sede principale.
“Si tratta di una boccata d’ossigeno per le scuole – sottolinea il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini – Il Ministero ora sta studiando come stabilizzare questo incremento, per almeno 25 milioni all’anno. Stiamo avviando anche un percorso di revisione e aggiornamento dei parametri di ripartizione del fondo di funzionamento”.
In concreto, una scuola che ad esempio poteva disporre, in via ordinaria, di 15.000 euro per le spese di funzionamento in questo anno scolastico si è vista attribuire, con la recente nota ministeriale, una risorsa aggiuntiva di 7.000 euro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#labuonascuola, ecco le prime decisioni: "Una materia da studiare in inglese già dalle elementari"

Next Article

Il discorso di Mattarella: "Rispettare la Costituzione significa ridare futuro ai giovani"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".