Scopri l’inglese con Celtic Childcare

Puoi girare l’America e ricevere una paga settimanale come babysitter grazie a una delle più importanti agenzie del settore. Zero spese anche per il viaggio di andata e ritorno e l’assicurazione medica

Puoi girare l’America e ricevere una paga settimanale come babysitter grazie a una delle più importanti agenzie del settore. Zero spese anche per il viaggio di andata e ritorno e l’assicurazione medica

Viaggiare è meraviglioso. Oltre a conoscere nuovi amici, visitare luoghi interessanti, potrai allo stesso tempo incrementare notevolmente le tue competenze linguistiche. Senza dimenticare la paga settimanale. Questi sono solo alcuni dei vantaggi che un ragazzo/a alla pari sperimenta ogni giorno. Ma cosa significa in realtà “ragazzo alla pari”? E specialmente come si può vivere all’interno di una famiglia, prendendone attivamente parte in cambio di un lavoro da babysitter?

Da dove si inizia, come trovare contatti e scegliere la famiglia adatta lo spiega Celtic Childcare, una delle agenzie più importanti in Italia per le ragazze di madre lingua inglese, italiana, francese, tedesca e spagnola che vogliono trovare una sistemazione in famiglia. L’agenzia – gestita e diretta da Elizabeth J. Lenihan. – si occupa di au-pair, tutor e nanny dal 1997, ha una sede nel centro di Torino ed è membro della International Au Pair Association dal 2002.

“Il nostro è un programma per ragazze/i che vogliono vivere un’esperienza e imparare la lingua, gli usi e costumi del Paese o, più semplicemente, conoscere un nuovo stile di vita. Inoltre – raccontano dalla agenzia – non bisogna sottovalutare i vantaggi che si hanno dopo una esperienza del genere. Secondo Almalaurea chi ha nel proprio curriculum esperienze all’estero ha il 90% delle probabilità di trovare il lavoro dei sogni”.

Recentemente l’agenzia ha anche creato l’Associazione nazionale Italiana Agenzia Alla Pari – ANIAP per promuovere il programma alla pari a livello nazionale e internazionale fra i giovani e stabilire le linea guida e le regole per au-pairs, famiglie ospitanti, tutors e le agenzie italiane che operano in questo settore.

Ma i vantaggi di affidarsi a un’agenzia di questo genere sono molteplici: “Per qualsiasi tipo di aiuto durante il soggiorno è possibile rivolgersi alla famiglia e all’agente nel paese ospite. Nel caso in cui l’ospite non si trovasse bene con la famiglia ospite potrà chiedere di cambiarla. In ogni caso è richiesto un preavviso di 14 giorni, per dare modo all’agenzia di trovare un sostituto/a”. Per ulteriori info poi c’è sempre il nostro sito www.celticchildcare.com o la nostra email [email protected]”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, pronto regolamento del nuovo concorso per dirigenti scolastici

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 15 giugno

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.