La rassegna stampa di mercoledì 15 giugno

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università
Italia Oggi – I presidi old style in soffitta – Il ministero dell’Istruzione ha iniziato a selezione per trovare manager della scuola. Va in soffitta il preside vecchia maniera. Nella scuola del futuro solo dirigenti con capacità organizzative ed informatiche.
La Repubblica.it – Stretta sui diplomifici, crollano i privatisti alla maturità – I 6mila candidati esterni dello scorso anno si sono assottigliati a poco più di 5mila: meno 14 per cento in meno in appena 12 mesi. Così il pugno di ferro del governo contro i diplomifici dà i primi risultati.
Il Fatto Quotidiano – Dichiarazione di diritto alle vacanze per tutti gli studenti – Cosa significa la parola “vacanza”? Quale categoria di lavoratori accetterebbe di prolungare nel tempo libero i compiti professionali imposti?
Il Corriere della Sera – La nuova via della ricerca? Si chiama “open innovation” – La farmaceutica Novartis fa scuola: 8,9 miliardi di investimento in sviluppo interno e selezione di start-up
Tutto Scienze e tecnologia – Anno 2020: siamo pronti alla ricerca aperta a tutti? – L’Ue spinge per il modello “open access”. Ma realizzarlo sarà più difficile del previsto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scopri l’inglese con Celtic Childcare

Next Article

Piano Scuola Digitale, al via Erasmus per 541 docenti

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.