Piano Scuola Digitale, al via Erasmus per 541 docenti

Giannini: “Una straordinaria occasione di formazione”
Un’estate di formazione sui temi dell’innovazione didattica e digitale, con la possibilità di confrontarsi con i colleghi di altri Paesi europei, frequentando corsi o scambiando esperienze e pratiche didattiche all’estero. È l’opportunità offerta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, a 541 docenti selezionati tra gli 8.303 animatori digitali individuati a valle della presentazione del Piano Nazionale Scuola Digitale come referenti per l’innovazione in ciascun istituto scolastico del Paese.
I 541 animatori che parteciperanno a questa esperienza formativa, realizzata in collaborazione con il programma Erasmus +, sono stati scelti da un comitato indipendente che ha valutato i loro progetti. I percorsi formativi saranno finanziati con 847.384 euro, provenienti da fondi europei.
“Il Piano Nazionale Scuola Digitale è uno dei fiori all’occhiello della Buona Scuola. Quella che stiamo offrendo agli animatori digitali è una straordinaria occasione di formazione, che anticipa i contenuti del Piano nazionale di formazione in cui le esperienze di scambio, anche con l’estero, rappresenteranno una pratica sempre più diffusa nel nostro sistema scolastico”, commenta il Ministro Stefania Giannini.
I Paesi di destinazione vanno da Cipro all’Estonia, dalla Finlandia alla Polonia, alla Repubblica Ceca, alla Croazia. Regno Unito (con 159 richieste), Spagna (79) e Belgio (77) sono le mete più gettonate dai docenti, che in gran parte (370) hanno scelto di frequentare corsi di formazione. I restanti 171 hanno invece scelto il confronto in presenza con i colleghi europei (job shadowing).
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 15 giugno

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 16 giugno

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".