Scienziate, studiose, ricercatrici: il riscatto è donna

Foto dal profilo ufficiale Flickr MIUR

“La sostenibilità del pianeta è legata al ruolo delle donne e per questa ragione bisogna scommettere sulla formazione delle giovani scienziate, studiose, ricercatrici e, in generale, sull’istruzione delle ragazze, a partire dall’infanzia, perché vogliamo che nella scuola le bambine, che potranno offrire forza al sistema politico ed economico del nostro Paese, trovino il principale strumento di riscatto”.
Ecco l’intervento del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, partecipando al Quirinale alle celebrazioni della Giornata Internazionale della Donna. Nel corso della mattinata, il Ministro Giannini e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella hanno premiato le scuole vincitrici del concorso “Terra è donna” dedicato al ruolo sociale della donna nel mondo di oggi.
“A molti decenni dalle prime conferenze delle Nazioni Unite (dedicate alle questioni di genere) – ha sottolineato il Ministro – rimangono grandi e gravi violazioni dei diritti delle donne. Violazioni che segnano anche paesi come il nostro: l’Italia è infatti al 71mo posto per quanto riguarda la parità di genere”.
Per questo, ha aggiunto Giannini, “le sfide di oggi e di domani sono ancora complesse e un compito centrale e’ affidato al sistema dell’educazione. Sul terreno della dignità delle donne il Ministero dell’Istruzione avverte una grande responsabilità perché l’unica leva di sviluppo è proprio l’istruzione, soprattutto in un mondo nel quale forze ideologiche fondamentaliste si battono con crudeltà e lucidità contro tale leva. Nel mondo di Malala, delle studentesse rapite da Boko Haram, della guerra mondiale a capitoli dei nostri giorni – ha proseguito il Ministro – noi vogliamo che le nostre bambine a scuola abbiano un’educazione che ne valorizzi i meriti e che educhi tutti al rispetto della differenza come condizione essenziale della democrazia”.
Il Ministro ha infine voluto ricordare alcune donne italiane che hanno segnato la storia del nostro Paese: Emma Bonino, Maria Montessori, Rita Levi Montalcini, “un modello per quelle giovani che in Italia e nei Paesi in via di sviluppo denunciano e combattono con il coraggio del quotidiano il sessismo dell’abuso e della violenza, ma anche quello delle parole e dei costumi. Per tutte loro le sfide di oggi e di domani sono imponenti e convergono nell’indicare – ha ribadito in conclusione – un compito centrale del sistema dell’educazione”.
 
ECCO I VINCITORI DEL CONCORSO “TERRA E’ DONNA”
SCUOLA PRIMARIA

  • C. “S. Francesco” di Palmi (Reggio Calabria)

TITOLO: “Earth is woman”
 

  • C. di Cadeo e Pontenure (Piacenza)

TITOLO: “Anche per te”
 

  • C. “Dalmazio Birago” di Passignano sul Trasimeno (Perugia)

TITOLO: “Donna”
 
SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
 

  • C. Mira 1 di Mira (Venezia)

TITOLO: “Ritorno all’origine”
 

  • C. di Oppeano (Verona)

TITOLO: “Terra: femminile singolare”
 

  • C. “Pietrocola – Mazzini” di Minervino Murge (Barletta-Andria-Trani)

TITOLO: “Di madre in figlia”
 
SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO
 

  • I.S. Polo 3 di Fano (Pesaro-Urbino)

TITOLO: “Terra è donna”

  • Liceo Scientifico “G. Galilei” di Catania

TITOLO: “Da Lucy al futuro”
Ex aequo

  • S.I.S. “G. Carducci – Dante” di Trieste

TITOLO: “L’impasto della vita”
 

  • I.S. “L. Signorelli” di Cortona (Arezzo)

TITOLO: “Le mani in pasta”
 
MENZIONI
 
SCUOLA PRIMARIA

  • C. “Virgilio” Scuola in ospedale – Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma

TITOLO: “Il futuro della terra rinasce dalle donne”
 
SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

  • C. di Camerano (Ancona)

TITOLO: “Pezzo dopo pezzo, strato dopo strato”
 
SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

  • Liceo Scientifico “G. Oberdan” di Trieste

TITOLO: “Alice nella cucina delle meraviglie”
 

  • Istituto Professionale “E. Orfini” di Foligno (Perugia)

TITOLO: “Chi si nutre della varietà delle culture genera pensieri     
                              e comportamenti sani e più responsabili”
 

  • I.S.S. “De Nittis – Pascali” di Bari

TITOLO: “Kali’s Mood”
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNSU, novità importanti sul Diritto allo Studio

Next Article

La Rassegna stampa di lunedì 9 marzo

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.