Scienze, progetti da 9,5 milioni per la divulgazione

Il ministero dell’Università e della Ricerca ha varato un bando da circa 9,5 milioni di euro con la finalità di promuovere e favorire la diffusione della cultura tecnico-scientifica, intesa come cultura delle scienze matematiche, fisiche e naturali e delle tecniche derivate.

Poco più della metà della cifra stanziata, 4.871.182,90 euro, è riservata a progetti annuali, ciascuno di valore compreso tra 40.000 e 100.000 euro, presentati da istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, altri soggetti pubblici e persone giuridiche con sede legale in Italia. Il contributo previsto per ciascun progetto è pari all’80% dei costi giudicati ammissibili.

I restanti 4.545.591,45 euro sono invece riservati alla stipula di accordi di programma e intese, ognuno di valore compreso tra 300.000 e 800.000 euro, con i soggetti di cui sopra nonché con altre amministrazioni dello Stato, università, enti pubblici e privati. Anche in questo caso il contributo previsto è pari all’80% dei costi ritenuti ammissibili.

Le domande, che saranno sottoposte al vaglio di un’apposita commissione tecnico-scientifica, dovranno essere presentate tra il 3 novembre e il 3 dicembre 2020.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sts Education, crac coinvolge anche l'Inps. Genitori: "Allibiti. Operazione studiata a tavolino"

Next Article

Alunne bendate durante la Dad: "Così sembra una tortura"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".