Scandalo a La Sapienza: il direttore generale non è laureato

Può un geometra pensionato, sprovvisto di titolo di laurea, indagato per abuso d’ufficio, gestire il bilancio da oltre un miliardo di euro l’anno del più grande ateneo italiano? La risposta, a dispetto del buon senso, è si. Questa, infatti, la situazione che si è venuta a creare all’Università La Sapienza di Roma dove il direttore generale, Carlo Musto D’Amore, non solo non possiede il titolo di laurea che si presupporrebbe necessario per accedere a posizioni dirigenziali presso istituzioni pubbliche, ma è stato persino confermato con la stipula di un nuovo contratto quadriennale (per circa 200 mila euro annui) nonostante sia già andato in pensione.
Una storia che ha dell’assurdo se rapportata con i proclami del Governo Renzi riguardo meritocrazia e turn over dei dirigenti pubblici. A descrivere la situazione, ricostruendo la carriera del geometra Musto D’Amore, le amicizie con diversi Rettori e le carriere “anomale” di parenti e amici, è stato il giornalista Emiliano Fittipaldi in un recente articolo pubblicato su L’Espresso che riportiamo di seguito.

Nello scandalificio della Sapienza si può trovare di tutto. Cadaveri abbandonati nei corridoi dell’Istituto di medicina legale, lezioni di “psicopatologia forense” tenute dal comandante Schettino, ex rettori che hanno piazzato in cattedra moglie, figlia e primogenito. Ma al primo piano della palazzina del rettorato a piazzale Aldo Moro si può incontrare anche Carlo Musto D’Amore, un geometra nato 67 anni fa a Montoro Inferiore, vicino ad Avellino, che è riuscito a diventare direttore generale del più grande ateneo del Paese senza uno straccio di laurea, incarico che oggi gli permette di portare a casa circa 200 mila euro l’anno.
Già: l’irpino è probabilmente uno dei pochi “precari” italiani che nel 2013 è riuscito a ottenere dalla pubblica amministrazione un nuovo contratto quadriennale nonostante fosse già in pensione, e a dispetto di un processo ancora in corso (in primo grado è stato assolto) per abuso d’ufficio.
«I rettori passano, ma Musto D’Amore non lo tocca nessuno», scuotono la testa i suoi nemici. Il postulato è corretto: il dominus della Sapienza (dove gestisce un bilancio da oltre un miliardo di euro l’anno) è stato assunto infatti nel lontano 2001, e in 14 anni ha visto entrare e uscire nel suo ufficio decine di presidi e quattro rettori.
La sua carriera è da studiare: dopo il diploma da geometra diventa “ufficiale rogante” all’Università Orientale di Napoli, poi affianca «un ispettore del ministero per svolgere accurate indagini sull’Istituto pareggiato di Magistero di Catania». È lo stesso dirigente a ricordare di essere stato anche «alla Scuola autonoma di Ostetricia di Salerno per accertare la veridicità dei fatti denunciati da un professore». Ma il geometra non vuole restare un Filini qualsiasi. Così nel 1989 riesce a vincere (sempre senza laurea) «un corso-concorso nazionale per dirigenti universitari», e sei anni dopo viene chiamato alla Federico II: vicinissimo all’allora rettore Fulvio Tessitore, eletto poi senatore con i Ds, diventa «vicario del direttore amministrativo». Un titolo sufficiente per diventare qualche anno dopo capo dell’ateneo della Capitale.
Da 14 anni è lui a gestire appalti e gare. A Roma entra nei giri che contano, e nel 2007 la presidenza del Consiglio (al tempo c’era Romano Prodi) lo fa pure nominare Ufficiale della Repubblica. Nel 2013 firma il suo quarto contratto consecutivo: è stato l’ex rettore Luigi Frati a rinnovargli la fiducia, nonostante «il collocamento in quiescenza medio termine», si legge nel verbale del cda dell’università «intervenuto in qualità di dirigente di ruolo della Federico II». Alla faccia di Marianna Madia, che sogna dirigenti non più inamovibili e soprattutto non già pensionati, Musto D’Amore potrà restare sulla sua poltrona fino al 2017.
In realtà il nuovo rettore Eugenio Gaudio potrebbe rimuoverlo usando una clausola rescissoria già il prossimo giugno. Ma ci scommettono in pochi: i due sono in effetti legatissimi. Hanno anche storie familiari simili: se “l’Espresso” qualche settimana fa ha rivelato che il figlio del rettore ha vinto un dottorato nonostante avesse usato il bianchetto durante il compito (pratica vietata), alla Sapienza ha trovato lavoro anche la figlia di Musto D’Amore, Assunta.
Nomen omen: la ragazza, anche lei sprovvista di laurea, a 22 anni ha vinto un concorso alla Seconda Università di Napoli e nel 2009 è stata chiamata alla Sapienza come impiegata («prende 1200 euro nette al mese», spiega l’ufficio stampa dell’ateneo). Assunta fino al 2011 forse avrà incontrato all’università anche suo cugino: il giovane cardiologo Sergio Musto D’Amore si è specializzato proprio a Roma, e non a caso il suo nome compare nella segreteria scientifica di alcuni corsi tenuti dal professor Carlo Gaudio, fratello dell’attuale rettore. Se lo zio aspetta l’esito del suo processo, anche Sergio è indagato a Bergamo. Ma per omicidio colposo: i pm vogliono capire come mai una donna di 46 anni sottoposta a una coronarografia sia morta dopo due minuti dall’inizio dell’esame.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mainz, una porta rotta all'Università scatena la creatività degli studenti

Next Article

Vacanze troppo lunghe? Ecco i 7 lavori da fare in estate

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".