Sapienza, una notte all’università

La Sapienza partecipa anche quest’anno alla Notte dei Musei 2012 con l’apertura straordinaria di undici musei della Città universitaria: Anatomia Comparata, Antichità etrusche e italiche, Arte classica, Chimica “Primo Levi”, Fisica, Geologia, Mineralogia, Origini, Paleontologia, Storia della medicina, Museo Laboratorio arte contemporanea (Mlac).

Apertura straordinaria di undici musei, incontri culturali, giochi didattici e curiosità per la Notte dei Musei 2012.

La Sapienza partecipa anche quest’anno alla Notte dei Musei 2012 con l’apertura straordinaria di undici musei della Città universitaria: Anatomia Comparata, Antichità etrusche e italiche, Arte classica, Chimica “Primo Levi”, Fisica, Geologia, Mineralogia, Origini, Paleontologia, Storia della medicina, Museo Laboratorio arte contemporanea (Mlac).

A partire dalle ore 20 e fino alla mezzanotte il Polo museale della Sapienza coinvolgerà il pubblico in visite guidate, mostre e spettacoli. Per i più piccoli sono previste attività istruttive e divertenti: la possibilità di vedere dal vivo uno scheletro di balenottera, di assistere a una simulazione di pet therapy con quattro labrador in azione, di partecipare a laboratori di archeologia e chimica, di giocare alla caccia di scheletri e teschi o di partecipare a una geo- tombola.

Fiore all’occhiello della manifestazione è l’esposizione presso il Museo di Mineralogia di alcuni esemplari della collezione del Servizio nazionale geologico (oggi Ispra) in mostra al pubblico per la prima volta. Tra i pezzi selezionati, un ippopotamo anfibio, minerali rari e un prezioso rilievo geologico dell’Etna.

La serata sarà aperta nell’aula magna del Rettorato dal video “Scienza e Arte” che ripropone al pubblico la mostra a cura di Adelina Borruto sulle trasformazioni creative (gioielli, abiti, oggetti di design) di ricerche sviluppate nel dipartimento di Ingegneria chimica materiali ambiente della Sapienza. Al termine l’Orchestra e i solisti di MuSa Classica si esibiranno in melodie della tradizione canora italiana da Pulcinella a Rugantino. Concluderà la manifestazione il volo di una mongolfiera che partirà dalla piazza della Minerva.

Con questo programma Sapienza intende ribadire il suo ruolo primario all’interno del tessuto cittadino per favorire, attraverso il contributo  di tutti i  settori scientifici coinvolti, la diffusione della cultura a partire dai cittadini più giovani. Il programma completo è disponibile su  www.uniroma1.it

Sabato 19 maggio 2012 – dalle 19.00 alle 24.00
Città universitaria – piazzale Aldo Moro 5, Roma

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vent'anni dopo, la Nave della Legalità 2012

Next Article

Sabato 19 maggio 2012, la Sapienza apre 11 musei nella Città universitaria

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".