Sapienza, aperta sede di Studi Orientali

murale_esquilino2_d0.jpgLa facoltà di Studi Orientali dell’Università Sapienza ha inaugurato ufficialmente questa mattina la sua nuova sede in via Principe Amedeo 182, nel cuore, nemmeno a dirlo, del quartiere orientale di Roma. “Finalmente questa facoltà ha trovato una sua sede che rispecchi con una realtà fisica e materiale la realtà delle persone che studiano e lavorano dentro”: con queste parole il preside di Studi Orientali Federico Masini ha aperto la cerimonia di inaugurazione con sincera emozione.
Il professor Masini ha presentato, con l’aiuto di alcune slide, il percorso di costruzione della sede dagli inizi fino al risultato finale: aule, laboratori e una biblioteca dagli scaffali “rosso Sapienza”.
“Le varie anime della vita universitaria – ha sottolineato il preside – si sono andate man mano progettando e costruendo per donare agli studenti di Studi Orientali, il cui numero non ha mai smesso di aumentare dal 2005 ad oggi, una sede nella quale riconoscersi e laurearsi con soddisfazione”.
Anche il Magnifico Rettore Luigi Frati ha commentato con compiacimento la realizzazione della nuova struttura riconoscendo come la facoltà di Studi Orientali abbia svolto un lungo percorso per giungere, da piccola facoltà con pochi professori, ad essere un punto di riferimento importante per tanti studenti che usano le competenze apprese grazie a questo corso di laurea come un trampolino sul mondo, una finestra per conoscere e interagire con l’oriente.
All’inaugurazione non è mancata, tuttavia, qualche protesta silenziosa da parte di alcuni studenti che hanno appeso per i corridoi della nuova struttura degli striscioni e delle locandine con la frase, rivolta al Rettore, “Oggi inauguriamo, domani chiudiamo”, in riferimento al decreto legge di recente approvazione che prevede forti tagli ai fondi destinati all’università pubblica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Palermo a dieta, stretta sui corsi

Next Article

Il navigatore per ciechi in prova a Roma

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.