Sapienza, parte il primo corso per tutti sulla violenza di genere: sarà online

Parte il primo corso di formazione universitario aperto a tutti per contrastare la violenza di genere. Un’iniziativa molto interessante dell’università La Sapienza di Roma, che punta su un approccio multidisciplinare: “La trasversalità e la contaminazione dei saperi sono fondamentali per trovare le soluzioni ai problemi”, dice Antonella Polimeni in un’intervista al Corriere della Sera, preside della facoltà di Medicina e Odontoiatria, tra le promotrici del progetto.

Il corso online  “Culture contro la violenza di genere: un approccio transdisciplinare” durerà 3 mesi per 48 ore di impegno complessivo. Bisogna iscriversi entro il 21 giugno alle 12, inviando una mail a [email protected] (tutte le info qui); basta essere in possesso di un diploma di scuola superiore. “Per ora si stanno iscrivendo soprattutto ragazze, studentesse o neolaureate”, dice il coordinatore didattico Giovanni Brancato. “Contiamo di arrivare a 250 iscritti. Vogliamo fornire strumenti per capire il fenomeno e cambiare la cultura dominante nella società“.

Il corso, che è stato pensato dopo un evento del 25 novembre scorso, Giornata mondiale contro la violenza di genere, è nato da un’iniziativa delle facoltà di Medicina e Odontoiatria, Scienze politiche, Sociologia e comunicazione, e ha poi coinvolto anche Giurisprudenza, Lettere e Filosofia, Medicina e Psicologia. Quattro i moduli previsti: 1. La violenza di genere: coordinate di un fenomeno; 2. Le attività di sostegno a favore delle vittime di violenza; 3. I meccanismi di prevenzione; 4. Le azioni di contrasto. I docenti verranno sia dalle facoltà coinvolte, sia dalla società civile. Alla fine potranno essere rilasciati 6 CFU per lauree di primo livello.

Un tema urgente da riportare all’attenzione soprattutto adesso, dopo i mesi di ockdown, durante i quali si sono moltiplicate le richieste di aiuto ai telefoni antiviolenza: basti pensare che a marzo e aprile 5939 donne hanno contattato le operatrici dei centri antiviolenzae il 30% di loro l’ha fatto per la prima volta. Nel 2018 invece la media dei contatti mensile era di 1642 chiamate, tra vecchie e nuove. L’isolamento domiciliare ha acuito le tensioni e aggravato le violenze.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, Lucia Azzolina: "Mai pensato di chiudere studenti dentro gabbie o strutture simili. Immagini surreali"

Next Article

Coronavirus, studio di Harvard rivela: "Virus a Wuhan già in agosto"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".