Sapienza, nasce la Facoltà dell’Informazione

Informatica, telecomunicazioni, statistica ed elettronica ovvero la nuova facoltà dell’Informazione siglata Sapienza.

Informatica, telecomunicazioni, statistica ed elettronica ovvero la nuova facoltà dell’Informazione siglata Sapienza. Si tratta di una rivoluzione a livello culturale: la prima in Italia che racchiude dipartimenti di scienze, di statistica e di ingegneria. Nel settore ricerca ad esempio la nuova facoltà faciliterà le sinergie virtuose tra i vari settori che compongono la galassia dell’informazione, offrendo all’esterno un referente istituzionale unico per un settore sempre più centrale per lo sviluppo economico e sociale di un paese avanzato.
“E’ un po’ come se cattolici e protestanti in Irlanda del nord diventassero amici”, spiega il prof Alessandro Panconesi, direttore del dipartimento di Informatica de “La Sapienza”. In un anno, racconta Panconesi – il rettore Luigi Frati e’ stato capace di riorganizzare il più mastodontico ateneo d’Europa: un nuovo statuto, che ne ridisegna in modo sostanziale la governance, e una cura dimagrante che ha dimezzato sia il numero dei dipartimenti, passati da più di cento a circa la metà, che delle facoltà (da 23 a 11). Tra queste spicca la nuova ‘Facoltà dell’Informazione’ che, unica in Italia, riconosce all’informazione lo status di disciplina autonoma, andando oltre il tradizionale e restrittivo concetto di ICT (information and communication technology)”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocinio "statistico" al Welfare

Next Article

La Bocconi cerca sportivi

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale