Sannio-rinnovamento: dopo il direttore Marotta arriva il Rettore De Rossi

corriereuniv

Il nuovo Rettore dell’Università del Sannio sarà Filippo De Rossi, già Preside della facoltà di Ingegneria. Nessuna spaccatura quindi tra i docenti che voteranno il prossimo 10 luglio la prestigiosa carica dal momento che al termine per la presentazione delle candidature è stata presentata solo quella di De Rossi.

Continua la marcia nel segno del rinnovamento dunque dopo le nomine dei tre direttori dei nuovi dipartimenti: Goglia per Scienze e tecnologie, Villano per Ingegneria e Marotta che guiderà il dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi quantitativi (DEMM).

L’alleanza che ha favorito il prof. Giuseppe Marotta è la stessa che sostiene da sempre Filippo De Rossi. L’ateneo comincia così a ricomporsi dopo le divisioni che vedono uscire sconfitto il gruppo del Rettore Filippo Bencardino.

De Rossi può fare bene e noi ci crediamo” dichiara il neo direttore Marotta, ordinario di economia agroalimentare, che sarà per tre anni alla guida del più grande dipartimento di ateneo.

Il DEMM si presenta infatti come una struttura complessa e presto verranno attivati nuovi organismi in suo sostegno con la giunta, un comitato didattico e uno di ricerca. “Ho cercato da subito partecipazione e coinvolgimento. Ci sarà grande attenzione per le pari opportunità nei ruoli accademici e per le competenze del personale tecnico-amministrativo oltre che del corpo docente” spiega Marotta annunciando un grande impegno anche sul piano del network con le istituzioni locali e le imprese per trovare possibili sinergie e percorsi comuni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Josefa Idem in conferenza stampa: "Niente dimissioni, mi scuso pubblicamente"

Next Article

“Un settore che resiste alla crisi”: Mangatar, la start-up nata da un videogame, oggi, sul mercato mondiale

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".