Sannio, matricole al nido

In Campania anche l’Università del Sannio raggiunge il progetto “Matricole al nido”
Asilo Nido dell'Università di Salerno

In Campania dopo Salerno, anche l’Università degli studi del Sannio aggiunge un altro tassello per il miglioramento del welfare con il progetto “Matricole al nido” presentato dall’ateneo insieme a “Help Cooperativa Sociale” e la Provincia di Benevento.

Il progetto, è stato finanziato dalla Regione Campania, per circa 250mila euro, nell’ambito dell’Obiettivo operativo 6.3 “Città solidali e scuole aperte” del Programma operativo FESR 2007-2013 e un piccolo contributo è arrivato anche dall’ente provinciale. La struttura nascerà nel complesso San Vittorino, a due passi da Piazza Guerrazzi e ospiterà trenta bambini figli degli studenti, del personale universitario e dell’ente Provincia.

“Si va verso il miglioramento del welfare del nostro Ateneo – ha dichiarato il Rettore Filippo Bencardino – che avrà ricadute positive sull’attività lavorativa del personale docente e amministrativo, e sulla carriera universitaria dei genitori-studenti. Garantire servizi a supporto delle famiglie misura il grado di civiltà di ogni contesto sociale”. Soddisfazione anche dall’Assessore all’Istruzione della Provincia di Benevento, Annachiara Palmieri: “Ho appreso con gioia la notizia del finanziamento. In un momento di difficoltà per le politiche sociali a causa dei tagli del Governo centrale, la Provincia si adopera in maniera concreta per affrontare i problemi delle famiglie. Dalla collaborazione tra Istituzioni locali nascono buone idee che migliorano la vita dell’intera comunità”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, una foresteria per gli studenti migliori

Next Article

Assunzioni al museo di scienze naturali

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.