Sace, che stage!

Schermata 2013-05-03 a 11.45.00

Un brillante curriculum accademico ed età inferiore ai 28 anni per entrare nel gruppo assicurativo-finanziario

Assumersi i rischi delle aziende italiane negli investimenti esteri, assicurandole. Questa è la funzione che svolge il gruppo Sace, società per azioni con sede a Roma che offre a giovani laureati l’opportunità di effettuare stage concreti e formativi per fare l’ingresso nel mondo del lavoro.

La possibilità di vivere un’esperienza professionale internazionale, nel campo del credito e della finanza, per mettere in pratica le conoscenze apprese nel percorso di studi universitario si rivolge a laureati con un brillante curriculum accademico. Occorre un titolo conseguito da non più di 12 mesi in discipline economico-giuridiche, statistica e ingegneria (votazione non inferiore a 105/110) oppure un titolo di studio post universitario (master/corso di specializzazione) nel settore. Si desidera entrare in contatto con candidati di età inferiore ai 28 anni che conoscano la lingua inglese e il pacchetto office

Gli stage avranno una durata media di 6 mesi e prevederanno un rimborso spese.

Invio cv da qua:

www.sace.it/GruppoSACE/content/it/corporate/work_with_us/intership/

 

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

E' morta la vedova di Borsellino

Next Article

Letta: "Ancora tagli alla scuola e mi dimetto"

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.