Russia, gli scienziati ritrovano 50 frammenti di meteorite

Schermata 2013-02-18 a 09.50.42

Una cinquantina di frammenti di meteorite sono stati ritrovati ieri sera da alcuni scienziati nella regione di Celiabinsk, intorno al lago ghiacciato di Cerbakul, 1500 km a est di Mosca, dove venerdi’ si era disintegrato un corpo celeste che con la sua potente onda d’urto aveva ferito oltre 1200 persone e danneggiato quasi 4000 edifici: lo ha annunciato Viktor Grokhovski dell’universita’ degli Urali, che e’ anche membro della commissione dell’ Accademia delle scienze sui meteoriti. Ieri il ministero per le Situazioni di emergenza russo aveva detto di aver sospeso, senza risultati, le ricerche dei frammenti nella zona del presunto atterraggio del meteorite.

Il loro mancato ritrovamento aveva alimentato varie ipotesi, mettendo anche in dubbio che si trattasse di un meteorite. Secondo Grokhovski, i frammenti apparterrebbero alla categoria dei condriti”, ossia meteoriti rocciose, composte per il 10% da ferro. ”Poiche’ abbiamo ritrovato solo dei frammenti, immaginiamo che il blocco principale sia sul fondo del lago”, ha detto Grokhovski, ipotizzando che misuri circa 50-60 cm. Il frammento piu’ grande tra quelli ritrovati ieri e’ di circa un centimetro. Lo scienziato ha inoltre proposto di chiamare il meteorite con il nome della localita’ piu’ vicina, ossia quella di Cebarkul, come si usa fare comunemente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Indesit, posti tra innovazione e marketing

Next Article

I rettori ai candidati premier: Salvate le università

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".