Rubano foto ose’ di una minorenne sui social network, 8 denunciati

Schermata 2013-04-30 a 11.13.25

Uno scambio di immagini sessuali tra una minorenne e l’allora fidanzatino su un social network, poi piratate, ha fatto scattare, nei confronti della ragazzina una serie di richieste e ricatti che ha portato alla denuncia di otto persone.

La vicenda prende inizio esattamente un anno fa quando la ragazzina racconta ai carabinieri di Treviso, affiancata dai genitori, dello scambio di immagini poi piratate da altri. Un ‘furto’ che ha portato gli otto indagati, via social network ed sms a ricattare la ragazzina chiedendo ulteriori immagini e video minacciando una diffusione ancora piu’ ampia delle prime.

I carabinieri, dopo una lunga indagine tuttora in corso, sono risaliti agli otto, tutti maggiorenni tra impiegati e studenti, che vivono a Padova, Montebelluna (Treviso), Pomigliano d’Arco (Napoli), Correggio (Reggio Emilia), Firenze, Genova, Cosenza e Palermo.

Nelle loro abitazioni – su disposizione del Tribunale dei Minori di Venezia – sono scattate una serie di perquisizioni che hanno portato all’acquisizione di Pc, tablet, iphone, cellulari e chiavette Usb ora al vaglio degli investigatori. Le denunce, a vario titolo, riguardano i reati di prostituzione e pornografia minorile, tentata estorsione e violenza privata.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuole sicure? Servono 13 mld

Next Article

Falsa identità in chat, per la Cassazione è reato

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.