Roma, gli studenti tornano in piazza

L’Onda continua la sua azione. Per domani sono in programma cinque cortei che rivoluzioneranno i trasporti capitolini. Le manifestazioni partiranno da diverse zone della città: piazza della Repubblica, piazza Barberini, piazza Fiume, piazzale Aldo Moro e piazzale Ostiense confluiranno in piazza della Repubblica e in via dei Fori Imperiali, e si dirigeranno tutti al ministero dell’Istruzione di viale Trastevere (altezza largo Bernardino da Feltre).
Le manifestazioni sono in programma tra le 8,30 del mattino e le 14, ma chiusure al traffico, pubblico e privato, saranno possibili sia prima che dopo l’orario indicato. I percorsi dei cortei interessano infatti buona parte del centro cittadino.
Primo corteo: da piazza della Repubblica, via Einaudi, via Cavour, piazza Esquilino, largo Visconti Venosta, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali, piazza Venezia, via delle Botteghe Oscure, via Floria, via e largo Arenula, Ponte Garibaldi, piazza Sonnino, viale Trastevere e largo Bernardino da Feltre.
Secondo corteo: da piazza Barberini, via Barberini, largo di Santa Susanna, via Emanuele Orlando e piazza della Repubblica. Da qui lo stesso percorso del primo corteo verso largo Bernardino da Feltre.
Terzo corteo: da piazza Fiume, per via Piave, via Sicilia, via Romagna, via Quintino Sella, via XX Settem-bre, via Vittorio Emanuele Orlando e piazza della Repubblica. Da qui stesso percorso degli altri cortei verso largo Bernardino da Feltre.
Quarto corteo: da piazzale Aldo Moro, per via delle Scienze, viale dell’Università, viale Castro Pretorio, via San Martino della Battaglia, piazza Indipendenza, via Solforino, via De Nicola, via Einaudi e piazza della Repubblica. Da qui stesso percorso degli altri cortei verso largo Bernardino da Feltre.
Quinto corteo: da piazzale Ostiense, per viale Aventino, piazza Albania, via di San Gregorio, via Celio Vibenna, piazza del Colosseo e via dei Fori Imperiali. Da qui si congiungerà agli altri cortei verso largo Bernardino da Feltre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le grandi potenzialità della Gelmini

Next Article

Giovani consulenti, 500 posti da Deloitte

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".