Ritorno sui banchi, sale la protesta

jurassicschool.jpgIl rientro nelle aule scolastiche italiane di ogni ordine e grado, partito qualche giorno fa nelle regioni apripista, vede il clou nella giornata di oggi: insegnanti e studenti di Roma e Lazio tornano a scuola e le manifestazioni di protesta contro il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini si stanno moltiplicando. Volantinaggi, lutto al braccio, megastriscioni in giro per la Capitale e, in tarda mattinata, un sit-in a Viale Trastevere per contestare i provvedimenti previsti per il mondo della Scuola.
Jurassic School. A Roma e provincia sono in corso volantinaggi dell’Unione degli Studenti (Uds) davanti a molte scuole della città e della provincia. “Jurassic school, benvenuti nella scuola del passato” è il titolo del volantino. Dall’Uds il coordinatore Stefano Vitale spiega il senso della manifestazione: “Vogliamo contestare le politiche del ministro Gelmini che vuole riportare la scuola italiana indietro di vari decenni allontanandoci dal resto dell’Europa, come dimostra la riduzione di fatto dell’obbligo scolastico, il taglio drastico di investimenti, il ritorno al maestro unico alle elementari e al voto di condotta. La scuola deve essere un investimento per il futuro del Paese e non una voce di bilancio da cui attingere fondi”.
La pasionaria di Collegno. Non ha sbagliato edificio ed è tutt’altro che “smemorata”: Silvana Accossato, sindaco di Collegno, paese alle porte di Torino, “contro i rischi della Riforma Gelmini” oggi diventa maestra per un giorno. In occasione dell’apertura dell’anno scolastico andrà in una classe della scuola elementare Marconi per affiancare un insegnante. «Il mio – spiega il primo cittadino – vuole essere un gesto simbolico che esprima la preoccupazione del Comune verso quello che va profilandosi come una vera e propria messa in discussione del tempo pieno, al di là delle rassicurazioni espresse in questi giorni dal governo».
Lutto viola. Prima campanella con protesta questa mattina anche a Firenze. All’ingresso nelle aule per l’inizio dell’anno scolastico, i bambini di alcune scuole materne e elementari sono stati accolti da maestre vestite tutte di nero. Le maestre hanno atteso gli studenti davanti ai plessi scolastici, fuori dal portone, non solo con un nastro nero al braccio come altre colleghe in tutta Italia, ma con tutto l’abito dai colori del lutto e uno striscione: “No ai tagli, no al maestro unico”. Solo nelle prime elementari, all’arrivo a scuola dei piccoli studenti, la protesta è stata più sobria, con le maestre che comunque indossavano qualcosa di nero.
Precari “tutti giù per terra”. A Venezia al suono della campanella si sono stesi a terra, per dimostrare come la loro professionalità sia stata congelata dalla riforma della scuola. La singolare protesta è stata da una rappresentanza dei precari veneti: gli insegnanti hanno voluto testimoniare con una azione plateale la loro preoccupazione per i tagli previsti e per lo stato di precarietà, che per alcuni dura da vent’anni. Perplessità sono poi state espresse sulla possibilità, ventilata dal ministro Gelmini, che gli insegnanti in esubero dalla riforma del maestro unico possano trovare occupazione nel settore turistico.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da MArteLive occasioni per aspiranti stagisti

Next Article

Chi lavora a tempo sta male

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.