Ricercatori all’attacco

E’ iniziata questa mattina la settimana di mobilitazione nazionale che vede scendere in piazza centinaia e centinaia di ricercatori precari italiani impegnati da mesi nella protesta al ddl Gelmini

E’ iniziata questa mattina la settimana di mobilitazione nazionale che vede scendere in piazza centinaia e centinaia di ricercatori precari italiani. Le cause? Potremmo rispondere le solite: tagli all’università, il ddl Gelmini, ricerca poco riconosciuta e si potrebbe continuare per pagine e pagine.
Ormai da mesi i giovani cervelli della nazione stanno dimostrando di non voler più sottostare a determinate consuetudini divenute leggi, come ad esempio sostituire i docenti piuttosto che affiancarli nella didattica. La FLC CGIL ha spiegato in un documento che ci saranno grandi tagli tra il 2011 e il 2012 e la cosa peggiore è che una previsione della Conferenza dei Rettori ha stimato al 1° gennaio 2011 il momento di maggiore gravità finanziaria per gran parte degli atenei.
Per tutte queste ragioni domani, 18 maggio, ci sarà l’occupazione simbolica di tutti i rettorati italiani per poter discutere le problematiche di cui sopra e soprattutto dimostrare che i ricercatori, stavolta, non si fermeranno. Sono quindi previste mobilitazioni presso tutti gli atenei che in questi mesi si sono impegnati affinché la protesta non passasse inosservata.
L’appuntamento nazionale è invece per mercoledì 19, giorno in cui i dottori saranno chiamati a riunirsi in un’unica grande compagine davanti al Senato della Repubblica a Roma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli invitati alla festa culturale? Tutti: italiani e stranieri

Next Article

Vita senza ossigeno la vita della ricerca

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".