Gli invitati alla festa culturale? Tutti: italiani e stranieri

Una festa interculturale a Villa Torlonia per promuovere l’integrazione

L’Armonia Sociale è il tema e il titolo della giornata dedicata all’integrazione tra cittadini italiani e stranieri in una domenica festiva da trascorrere in un parco di Roma.
Presso Villa Torlonia, su via Nomentana, il 23 maggio 2010 dalle 10 per tutta la mattinata, si potrà partecipare ad una “festa culturale” nata per promuovere la cooperazione e la conoscenza reciproca tra le nuove generazioni,  che sono il vero collante di integrazione nel nostro paese.
L’evento è organizzato dall’ Associazione Più Culture, che si sviluppa nel II Municipio, e con il patrocinio del Comune di Roma ha organizzato laboratori di giardinaggio e giochi per bambini, visite guidate gratuite presso le strutture del parco e una zona dedicata alla musica di cantanti africani e a una mostra di libri. Molti e svariati gli interessi, ma un unico obiettivo: la convivialità.
  
Paola Piva, volontaria dell’Associazione Più Culture, afferma che l’iniziativa nasce per promuovere lo scambio di culture a sostegno dei bambini “perché sono una risorsa fondamentale anche per l’integrazione dei genitori”, degli studenti “nati qui” che “sono portatori di una cultura nuova e cosmopolita” e degli adulti “per far sì che possano accedere a tutte le potenzialità del territorio”.
L’Associazione Più Culture “vorrebbe diventare un’associazione mista, per lavorare con cittadini stranieri che nell’integrazione trovano ostacoli nascosti invece di una vicinanza più comunitaria”. Una giornata in “armonia sociale” può essere una diversa chiave di lettura per stimolare il cosmopolitismo nell’interesse per il diverso.
Tiziana Petruzzelli

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ecco la giunta Caldoro

Next Article

Ricercatori all’attacco

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"