Ricerca tutta italiana

L’associazione A.It.U.N. ha presentato “Innovation in Pharmaceutics”: a glimpse in the biotech world”

La volontà dei ricercatori italiani di dar spazio alle loro idee ha fatto nascere nel 2006 a Perugia l’associazione A.It.U.N. primo student chapter europeo fondato all’interno di AAPS (American Association of Pharmaceutical Scientists).
Dal 2006 i ricercatori si incontrano per l’annual meeting che quest’anno si è tenuto a Napoli poiché il meeting si svolge nella sede d’appartenenza del presidente in carica, quest’anno Concetta Giovino dottore di ricerca in scienze del farmaco presso la facoltà di farmacia napoletana. “Il meeting non è solo un momento d’incontro e scambio di idee ma anche un mezzo per trasmettere conoscenze e spiegare quali sono i gli scopi della ricerca per quest’anno” ci ha spiegato il presidente.
Il meeting intitolato “Innovation in Pharmaceutics”: a glimpse in the biotech world ” ha radunato più di cento studenti. “La possibilità di lavorare in gruppo, essere costantemente supportati dai docenti e vivere il vantaggio della leale collaborazione sono fattori che ci fanno avere risultati. 30 i poster partecipanti, di cui 5 selezionati per presentazioni orali e, dai restanti 25, una commissione di docenti ha selezionato tre vincitori: un ricercatore di Pavia, uno di Ferrara e al primo posto la stessa dottoressa Giovino.
L’evento organizzato completamente in lingua inglese per agevolare gli studenti stranieri presenti, ha trattato tematiche relative allo sviluppo di medicinali biotecnologici attraverso l’integrazione di aspetti tecnologici, industriali e regolatori. Durante la giornata è stato dato spazio ai ricercatori per parlare della propria attività di ricerca ed esporla ai colleghi presenti.
I buoni propositi non mancano per il futuro infatti la dottoressa ci ha spiegato che intendono ampliare il loro raggio d’azione, coinvolgere quante più facoltà di farmacia è possibile già a partire dal prossimo anno con il meeting che si terrà a Pavia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iulm orienta

Next Article

Pasquino inCORONAto

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.