Ricerca congiunta successo italiano

bandiera_europea_major.jpgStraordinario successo conseguito dalla delegazione italiana a Bruxelles presso la Commissione Europea nell’ambito delle attività di definizione delle tematiche per la Programmazione Congiunta Europea della ricerca (Joint Programming Initiatives).
La delegazione italiana, guidata dal prof. Fulvio Esposito, Rettore dell’Università di Camerino,, rappresentante italiano nel Gruppo di Programmazione Congiunta (GPC).
e tre iniziative sostenute dall’Italia, precedentemente discusse ed elaborate nell’ambito del Gruppo di Lavoro per l’Internazionalizzazione della Ricerca istituito presso il MIUR, sono state infatti approvate dalla Commissione Europea, anche grazie al supporto della Presidenza di turno dell’Unione, attualmente assunta dalla Svezia.
I tre grandi temi presentati sono: Agriculture, food Security and Climate Change; Health, Food and prevention of diet related diseases; The challenge for cultural heritage: providing protection in response to major change for Europe in a global context.
Per quest’ultima tematica in particolare, relativa al patrimonio culturale, l’Italia si trova in primissima posizione per poter essere designata Paese coordinatore a livello europeo.
Tali tematiche congiunte concorreranno ora alla definizione delle priorità europee per il Programma Quadro della Ricerca dell’Unione Europea.
La programmazione congiunta – afferma il prof. Esposito – mira a rafforzare la cooperazione, il coordinamento e l’integrazione dei programmi di ricerca degli Stati membri dell’UE, e rappresenta quindi un ulteriore passo verso la realizzazione dello Spazio Europeo della Ricerca, al quale non solo l’Università di Camerino, ma l’intero sistema universitario italiano, stanno contribuendo in maniera significativa“.
Siamo quindi molto orgogliosi – prosegue il prof. Esposito – che le proposte del nostro Paese siano state accolte con grande apprezzamento”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Personale campano nell’arredamento

Next Article

Pescara, posti nel call center

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".