Ricerca, arriva il Premio Sapio

premiosapio.gifA Milano si premia la Ricerca. Domani mattina, presso la Sala Alessi di Palazzo Marino, si terrà la cerimonia di premiazione del “Premio Sapio per la Ricerca Italiana 2008”, giornata conclusiva della manifestazione che prevede l’intervento, tra gli altri, del ministro della Gioventù Giorgia Meloni e del direttore generale del Miur Mario Alì. L’incontro sarà moderato dal giornalista Ferruccio de Bortoli, direttore de “Il Sole 24 Ore”.
Nel corso della Giornata verranno premiati gli studiosi che hanno presentato i progetti più significativi per l’avanzamento della ricerca in campo tecnico-scientifico e socio-economico. Anche quest’anno saranno due le categorie di premi previsti: i Premi Junior, riservati a giovani ricercatori italiani che si sono distinti nell’ambito della Ricerca nel nostro Paese, e il Premio Industria, da assegnare a un ricercatore impegnato nella Ricerca applicata. Quest’anno, per festeggiare la decima edizione di questo progetto, è stato istituito un Premio Speciale decima edizione.
In occasione di questa ultima Giornata il Gruppo Sapio presenterà il libro “Premio Sapio per la Ricerca Italiana, i primi 10 anni”, in cui è stato raccolto lo storico del Premio e degli sviluppi delle carriere dei ricercatori premiati nelle scorse edizioni.
Durante la cerimonia, a testimonianza del valore del Premio Sapio, saranno consegnati l’Alto Riconoscimento della Presidenza della Repubblica e della Presidenza della Camera dei Deputati concessi dal presidente Giorgio Napolitano e dal presidente Gianfranco Fini a Piercarlo Cavenaghi, Alberto Dossi, Maurizio Colombo e Massimo Cardaccia del Gruppo Sapio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Aiesec presenta il Summit dei giovani

Next Article

Picierno: "Molte parole, pochi fatti"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".