La memoria svelata

Riapre l’edizione 2010 del Salone Internazionale del Libro di Torino: 51.000 metri quadri di superficie per la cultura.

Un albero sottosopra, con le radici in alto e la chioma in basso. E il claim “La memoria svelata” ad accompagnare la comunicazione dell’edizione 2010 del Salone Internazionale del Libro di Torino che si svolge da giovedì 13 a lunedì 17 maggio.
L’appuntamento al suo ventitreesimo anno ritorna al Lingotto di Torino: il celebre stabilimento Fiat  con sei padiglioni, 51.000 metri quadri di superficie, 27 sale convegni, oltre 1.400 editori e oltre 300.000 visitatori in cinque giorni d’apertura.
E’ oggi la più grande manifestazione in Italia dedicata all’editoria, alla lettura e alla cultura e fra le prime d’Europa.
Il Salone, promosso dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, guidata da un Alto Comitato di Coordinamento presieduta a turno annualmente dal Sindaco di Torino, dal presidente della Provincia di Torino e dal presidente della Regione Piemonte, è la più grande libreria d’Italia, una vetrina per big player, e per editori piccoli e medi, dove anche l’editoria locale può farsi conoscere oltre i confini del proprio territorio.
Richiamando appassionati da tutta Italia ogni anno con oltre mille convegni, presentazioni, appuntamenti, dibattiti, spettacoli con più di 2.000 autori, relatori e ospiti: premi Nobel, scrittori, scienziati, filosofi, storici, giornalisti, artisti il Salone
L’International Book Forum è lo spazio dedicato allo scambio dei diritti di edizione, traduzione e trasposizione audiovisiva delle opere letterarie.
Tra le sfide che la attendono c’è quella di avvicinare sempre più il pubblico dei lettori deboli e dei non-lettori, l’impatto delle nuove tecnologie e dei nuovi media sulla conservazione e trasmissione delle nozioni. Non necessariamente «nemici» della lettura, ma preziosi alleati nell’integrazione fra le culture e nell’educazione civile delle generazioni di domani.
Il 13 maggio le conferenze saranno inaugurate con la Lectio magistralis di Sudhir Kakar “Gli Indiani. Ritratto di un popolo” ; l’India sarà infatti il Paese ospite di quest’anno.
Sul sito è possibile consultare il programma completo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNSU: si vota!

Next Article

Opportunità SVE

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".