CNSU: si vota!

Gli studenti italiani sono chiamati al voto per le elezioni dei membri del CNSU.

Oggi e domani (12 e 13 maggio 2010), in tutti gli atenei italiani, gli studenti sono chiamati al voto per le elezioni dei membri del CNSU. Le elezioni, indette dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca, vedranno studenti, dottorandi e specializzandi di tutta Italia eleggere i 30 membri che andranno a comporre per tre anni l’organo consultivo di rappresentanza.
L’organico si compone di 28 rappresentanti, 7 per ognuno dei 4 distretti elettorali, che sono eletti dagli studenti iscritti a tutti i corsi di laurea, uno eletto dagli studenti di corsi di specializzazione e l’ultimo da iscritti ai corsi di dottorato di ricerca.
Ma, per fare chiarezza sui compiti di quest’organo è necessario dare qualche informazione. Il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari ha il compito e la facoltà di formulare proposte da presentare al Miur, queste proposte possono trattare: progetti di riordino del sistema universitario, decreti ministeriali, modalità e strumenti per l’orientamento e per favorire la mobilità degli studenti e criteri per l’assegnazione e l’utilizzazione del fondo di finanziamento ordinario. Inoltre, elegge internamente otto rappresentanti degli studenti nel Consiglio Universitario Nazionale e può rivolgere quesiti al Ministro riguardo eventi di rilevanza nazionale in merito alla didattica e alla condizione studentesca.
Un organo, quindi, certamente importante per gli studenti che però continuano ad astenersi in maniera consistente: nelle passate elezioni si sono infatti avute astensioni dell’80% e del 90%. Nei prossimi giorni valuteremo l’affluenza alle urne, si spera certo in una partecipazione più attiva degli studenti visto anche l’utilizzo dei social network per dare maggiore visibilità alla “campagna elettorale”.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

30 tirocini per la tutela del consumatore

Next Article

La memoria svelata

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale