Rettore Kabul vieta l’università alle donne: “Al massimo potranno seguire le lezioni dei docenti maschi dietro a una tenda”

Su Twitter il nuovo rettore dell’ateneo di Kabul, nominato dai talebani, Mohammad Ashraf Ghairat ha precisato che vista la mancanza di professori del loro stesso sesso, al momento le donne dovranno restare fuori dall’ateneo.

“Finché un vero ambiente islamico non sarà garantito per tutti, alle donne non sarà permesso di venire all’università o di lavorarci. Islam first”. Lo scrive sul suo account Twitter il nuovo rettore dell’ateneo di Kabul, nominato dai talebani, Mohammad Ashraf Ghairat. Nel post fa riferimento al noto slogan di Donald Trump, evocato anche in un altro tweet in cui scrive: “Make Kabul University (KU) Great Again”.

Il tweet del rettore dell’Università di Kabul

“A causa della carenza di docenti donne, stiamo lavorando a un piano affinché i docenti maschi possano insegnare alle studentesse da dietro una tenda nelle classi. In quel modo verrebbe creato un ambiente islamico che permetterebbe alle studentesse di studiare”, ha proseguito Gahirat su Twitter. “Finché non avremo creato questo ambiente islamico, le donne dovranno restare a casa”

Finora, dopo la presa del potere dei sedicenti studenti coranici, alle donne era stato permesso di andare all’università, ma vietando le classi miste o dividendo le aule con delle tende in caso di presenza maschile. Inoltre, l’accesso all’educazione è stato bloccato solo per le ragazze a partire dalla scuola secondaria.

Total
11
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Zaki, l'udienza del processo in Egitto dura solo 2 minuti. Tutto rinviato al prossimo 7 dicembre

Next Article

Prof senza green pass fa lezione davanti alla scuola. "Sembra di essere tornati al fascismo"

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"