Responsabile Tecnico-Scientifico Clima e Energia

WWF Italia ricerca un Responsabile Tecnico-Scientifico Clima e Energia così da contribuire all’impostazione e allo sviluppo del Programma su Clima e Energia dell’Associazione.

WWF Italia ricerca un Responsabile Tecnico-Scientifico Clima e Energia

I FUNZIONI PRINCIPALI
Contribuisce all’impostazione e allo sviluppo del Programma su Clima e Energia dell’Associazione, risponde al Responsabile dell’Area Conservazione, il quale concerta le linee d’azione con il Responsabile Policy Clima ed Energia nel quadro della Strategia del WWF Internazionale, con particolare attenzione alla riduzione delle emissioni di CO2 e dei consumi di combustibili fossili, alla promozione dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili.

Sviluppa documenti di approfondimento e posizionamento del WWF Italia su tematiche considerate di interesse dell’associazione, in coordinamento anche con la Responsabile Policy Clima ed Energia e sulla base dei posizionamenti del WWF Internazionale.

Potrà essere attivato dal Responsabile dell’Area Conservazione, su segnalazione del Responsabile Policy Clima e Energia, per la partecipazione ai tavoli tecnici di coordinamento del WWF Internazionale e con gli altri WWF nazionali (WWF NOs) e Uffici di Programma (WWF POs).

Supporta il Responsabile dell’Area Conservazione nell’ideazione, promozione e supervisione di progetti rispetto alle priorità definite nel programma, garantendo la qualità tecnico-economica.

Sviluppa le istruttorie tecniche su alcune grosse vertenze territoriali che vedono coinvolte impianti di generazione di elettricità a forte impatto (centrali a carbone, gassificatori…).

Collabora a sviluppare le proposte riferite sia al mondo istituzionale, sia a quello delle imprese.

Contribuisce allo sviluppo di attività di comunicazione e di raccolta fondi sulle tematiche legate a Clima e Energia

II. RUOLO E RESPONSABILITÀ DIRETTE
1.    Collabora a impostare il programma dell’Associazione su Clima e Energia ed è responsabile dello sviluppo delle attività previste di sua pertinenza.
2.    Redige documenti di approfondimento e posizionamento del WWF Italia su C&E.

3.    Partecipa, su attivazione del Responsabile dell’Area Conservazione, agli incontri di coordinamento con il WWF Int. e gli altri WWF Nos e Pos di sua pertinenza.

4.    E’ responsabile dello sviluppo di proposte progettuali su C&E.
5.    E’ responsabile dello sviluppo delle istruttorie tecniche su vertenze territoriali.

ATTIVITÀ DI SUPPORTO
.    Fornisce il know-how per lo sviluppo di proposte e attività per le istituzioni, le imprese e attività di comunicazione e di raccolta fondi.
.    Supporta le attività di policy su Clima ed Energia
.    Supporto alle altre componenti del Programma di Conservazione
.    Supporto tecnico-scientifico allo staff del WWF per le iniziative di raccolta fondi

QUALIFICHE
.    Laurea in discipline scientifiche o economiche
.    Ottima conoscenza degli aspetti ambientali legati alle problematiche climatiche e energetiche, a livello nazionale, europeo e internazionale.
.    Almeno 5 anni di esperienza nella gestione di rapporti esterni
.    Almeno 3 anni di esperienza di gestione progetti
.    Buone capacità di relazione nei rapporti esterni.
.    Buona conoscenza dei principali programmi di videoscrittura e gestione dati.
.    Ottima conoscenza dell’inglese
.    Preferibilmente, conoscenza di almeno un’altra lingua tra spagnolo e francese.
.    Preferibilmente un’età compresa tra 30 e 40 anni.

Recapito e riferimenti
Gli interessati possono inviare i curricula via e-mail entro il 18 dicembre 2011 all’attenzione di Daniela Musicò – Ufficio risorse umane WWF Italia ([email protected]).

La ricerca è rivolta a persone di entrambi i sessi (L.903/77). Gli interessati sono invitati ad autorizzare i dati personali in base all’informativa sulla privacy ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/03 .

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Verso la tolleranza

Next Article

Non vi pago, non mi vendo

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.