Regione Sardegna MIBACT: bandi 14 Custodi, Addetti Vigilanza e Accoglienza

Nuove opportunità di lavoro nel settore culturale con i bandi MIBACT della Regione Sardegna – ASPAL.

Nuove opportunità di lavoro nel settore culturale con i bandi MIBACT della Regione Sardegna – ASPAL.

Infatti sono state avviate le procedure per la selezione di 14 risorse da impiegare nel ruolo di Custodi, Addetti Vigilanza, Accoglienza presso le sedi del MIBACT nelle provincie di Cagliari e Oristano.

La selezione pubblica rientra nel concorso del Mibact per 500 Custodi, Addetti Vigilanza e Accoglienza finalizzato a nuove assunzioni in tutta Italia.

Il concorso è rivolto a persone con licenza media ed è prevista l’assunzione a tempo indeterminato e pieno. E’ possibile presentare la domanda di partecipazione dal 2 al 17 Dicembre 2020. Ecco i bandi e tutte le informazioni.

BANDO MIBACT REGIONE SARDEGNA ASPAL

ASPAL (Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro) Regione Sardegna ha indetto la procedura di avviamento a selezione per gli iscritti ai Centri per l’impiego per la copertura di 14 posti di lavoro. I candidati lavoreranno presso diverse sedi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo presenti nella regione Sardegna. Le risorse saranno assunte a tempo indeterminato e pieno (seconda area funzionale, fascia retributiva F1) 36 ore settimanali, per il ruolo professionale di Operatore alla Custodia, Vigilanza e Accoglienza e assegnate alle seguenti provincie:

  • n.12 posti presso la Provincia di Cagliari;
  • n.2 posti presso la Provincia di Oristano.

Si segnala che le eventuali riserve sono indicate nei bandi che trovate a fine articolo.

REQUISITI

Possono presentare domanda di partecipazione al concorso MIBACT Regione Sardegna i candidati che sono in possesso dei requisiti di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati dell’Unione Europea o di altre categorie previste dai bandi;
  • età non inferiore ai 18 anni;
  • idoneità fisica;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato attivo;
  • assenza licenziamento, destituzione o dispensa dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;
  • non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e dei contratti collettivi nazionali di lavoro relativi al personale dei vari comparti;
  • per gli iscritti di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana;
  • non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • titolo di studio della scuola secondaria di primo grado (licenza media inferiore);
  • iscrizione nell’elenco anagrafico di uno dei CPI della Sardegna;
  • essere in possesso dello stato di disoccupazione ed aver reso la propria immediata disponibilità al lavoro (DID) alla data di apertura della chiamata oppure essere occupati.

MANSIONI E ATTIVITA’

L’operatore alla custodia, vigilanza e accoglienza, nella struttura organizzativa di appartenenza, cura e svolge:

  • attività di vigilanza e custodia dei beni, delle strutture e degli impianti dell’Amministrazione, al fine di assicurarne l’integrità, secondo le modalità di orario stabilite dall’Ufficio di appartenenza, partecipando alle turnazioni;
  • gestione e verifica degli impianti dei servizi generali e di sicurezza, di uso semplice;
  • attività di sorveglianza degli accessi e controllo della regolarità del titolo di accesso;
  • regolamentazione del flusso del pubblico fornendo le opportune informazioni;
  • operazioni di prelievo, partecipando alla distribuzione e ricollocazione di materiale bibliografico e archivistico;
  • svolgimento, ove previsto, delle funzioni di casierato, con tutte le mansioni incluse nel relativo disciplinare con la fruizione dell’alloggio di servizio;
  • svolgimento di tutte le attività strumentali e complementari a quelle inerenti lo specifico profilo.

SELEZIONE

La procedura selettiva si svolgerà mediante la formazione di una graduatoria sulla base delle domande pervenute e di successive prove di idoneità.

DOMANDE DI PARTECIPAZIONE

La domanda di ammissione al concorso MIBACT Regione Sardegna deve essere presentata esclusivamente attraverso procedura online disponibile a questa pagina dal 2 Dicembre 2020 al 17 Dicembre 2020.

AI fine dell’attribuzione dello specifico punteggio, il cittadino dovrà dichiarare, nell’apposito campo del form di domanda, l’indicatore ISEE in corso di validità e il relativo numero di protocollo ISEE (necessario ai fini dei successivi controlli). La mancata compilazione del campo indicatore ISEE e protocollo ISEE comporterà la decurtazione di 25 punti dai 100 punti assegnati come punteggio iniziale.

Per consultare il Bando generale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per 500 custodi, addetti vigilanza e accoglienza vi invitiamo a visitare questa pagina dove trovate anche informazioni sull’intera procedura di selezione e tutti i bandi regionali.

SUCCESSIVE COMUNICAZIONI E INFORMAZIONI

Tutte le successive comunicazioni sulle procedure di selezione e sulla graduatoria finale, saranno pubblicate sul sito internet di Sardegna Lavoro della alla sezione ‘Concorsi e selezioni > Selezioni per altre pubbliche amministrazioni – art.16 l. 56/1987’.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Innovazione, inclusione, sostenibilità: al via #LeScuole, il racconto social della comunità scolastica italiana

Next Article

Speranza: "Vaccino anti Covid sarà gratuito per tutti ma non obbligatorio"

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.