Regione Sardegna: incentivi agli aspiranti imprenditori

La Regione Sardegna sostiene le PMI e gli aspiranti imprenditori nell’avvio di nuove start-up innovative, favorendo la nascita di società spin-off della ricerca. Questo grazie al “Programma di Aiuti per Start-Up innovative” volto a incrementare il numero imprese innovative nel territorio e la competitività delle stesse.

La Regione Sardegna sostiene le PMI e gli aspiranti imprenditori nell’avvio di nuove start-up innovative, favorendo la nascita di società spin-off della ricerca. Questo grazie al “Programma di Aiuti per Start-Up innovative” volto a incrementare il numero imprese innovative nel territorio e la competitività delle stesse.

Bando start-up innovative: prevede la concessione di incentivi sia agli aspiranti imprenditori sia alle imprese nate successivamente al 1 gennaio 2012. Sono previsti incentivi a favore di docenti e ricercatori che decidano di avviare nuove spin-off sulla base degli esiti dei progetti portati avanti in ambito universitario.

Regione Sardegna ha predisposto tre fasi di accesso ai contributi: un percorso di accompagnamento iniziale di 90 giorni, volto a verificare la validità dell’idea di impresa, la concessione di un contributo a fondo perduto per l’avvio dell’impresa e un percorso di affiancamento alle nuove start-up. Gli incentivi non potranno comunque superare l’85% del costo complessivo del piano di sviluppo aziendale.

Il tetto massimo di spesa è pari a 100mila euro.

Le domande per accedere al bando possono essere presentate fino al 30 novembre 2012.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage nell'ufficio marketing del Suor Orsola

Next Article

European Youth Media Days, dal 16 al 18 ottobre al Parlamento Europeo

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.