Regione Lombardia: concorsi per 40 posti, tempo indeterminato

La Regione Lombardia ha pubblicato 3 bandi di concorso per 40 assunzioni a tempo indeterminato presso l’area amministrativa. Le selezioni sono rivolte a candidati diplomati e laureati.

Le domande di partecipazione devono essere presentate entro il 15 febbraio 2021.

CONCORSI REGIONE LOMBARDIA 

La Regione Lombardia ha indetto 3 concorsi pubblici per la selezione di 40 risorse da assumere a tempo indeterminato e full time nei seguenti ruoli professionali:

  • n.13 risorse nel ruolo di Collaboratore Senior Area Amministrativa (categoria B3);
  • n.25 risorse nel ruolo di Specialista area Amministrativa (categoria D);
  • n.2 risorse nel ruolo di Avvocato presso la giunta di Regione Lombardia (categoria D).

REQUISITI

Per partecipare ai concorsi Regione Lombardia è necessario il possesso dei requisiti generici di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana o cittadinanza di uno degli Stati dell’UE o altra cittadinanza tra quelle indicate sui bandi;
  • aver raggiunto la maggiore età e non aver raggiunto il limite massimo previsto per il collocamento a riposo;
  • godimento dei diritti civili e politici, anche negli Stati di appartenenza o provenienza;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non avere riportato condanne penali che impediscano la costituzione del rapporto di impiego con Pubbliche Amministrazioni;
  • non essere stati destituiti, dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione o non essere stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico;
  • idoneità fisica all’impiego e alle mansioni;
  • essere in regola con le norme concernenti gli obblighi di leva per i cittadini soggetti a tale obbligo;
  • per gli appartenenti alle categorie di cui agli artt. 1 e 18 della L. 68/99, essere iscritti negli appositi elenchi del Centro per l’Impiego – Ufficio Collocamento Mirato;
  • per i volontari in ferma breve e ferma prefissata delle forze armate, essere congedati senza demerito o durante il periodo di rafferma nonché, per i volontari in servizio permanente, agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata, aver completato senza demerito la ferma contratta.

Inoltre, in base alla posizioni da ricoprire, sono richiesti gli eventuali requisiti specifici e i titoli di studio di seguito riportati:

COLLABORATORE SENIOR AREA AMMINISTRATIVA
– diploma di qualifica almeno biennale, ovvero attestato di qualificazione professionale
almeno biennale ad indirizzo aziendale, economico, amministrativo.

SPECIALISTA AREA AMMINISTRATIVA
– laurea di primo livello (L) appartenente a una delle classi del nuovo ordinamento universitario di cui al Decreto Ministeriale 4 agosto 2000 e successive modifiche e integrazioni;
– laurea specialistica (LS) appartenente alle classi del nuovo ordinamento universitario di cui
l Decreto Ministeriale 28 novembre 2000 e successive modifiche e integrazioni;
– laurea secondo il vecchio ordinamento equiparate alle nuove classi di lauree ai sensi del decreto interministeriale 9 luglio 2009 e successive modifiche ed integrazioni.

AVVOCATO
– laurea specialistica in Giurisprudenza (22/S) ex D.M. 509/1999;
– laurea magistrale in Giurisprudenza (LMG/01) ex D.M. n. 270/2004;
– laurea secondo il vecchio ordinamento Diploma di Laurea in Giurisprudenza (DL);
– abilitazione all’esercizio della professione di Avvocato.

SELEZIONE

La procedura selettiva si espleterà attraverso il superamento di prove d’esame, scritte e orali, vertenti sulle materie indicate nel bando.

Qualora il numero delle domande sia superiore a quello prestabilito dalla Commissione, si svolgerà una prova preselettiva.

DOMANDE

Le domande di partecipazione ai concorsi della Regione Lombardia devono essere redatte esclusivamente attraverso l’apposita procedura online da completare entro le ore 12:00 del 15 febbraio 2021.

Prima di iscriversi ai concorsi pubblici, è necessario aver provveduto al pagamento della tassa di concorso dell’importo di 10 euro, da effettuare secondo le modalità spiegate sui bandi.

Ogni altro dettaglio sulle modalità di partecipazione ai concorsi, è indicato nei bandi che rendiamo disponibili di seguito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Procida capitale italiana della cultura 2022. Franceschini: «Segnale per il futuro»

Next Article

Scuola, le misure del nuovo Dpcm

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.