Redattori e operatori per la web tv

Redattori web e operatori web per Europocket TV, televisione via web. Sedi locali a Fermo, Firenze, Lucca, Mantova, Milano, Pesaro, Pistoia, Roma e Torino.

Arriva, in Italia, la prima web tv europea per i giovani. Di prossima apertura sedi locali, sparse per lo stivale.
Se hai meno di 30 anni e vivi nei pressi delle città di Fermo, Firenze, Lucca, Mantova, Milano, Pesaro, Pistoia, Roma e Torino, puoi entrare a far parte del team di Europocket Tv Italia.
Si ricercano due figure professionali per ciascuna redazione locale:

  • un redattore web
  • un tecnico audio video addetto alle riprese, al montaggio e all’editing dei contenuti on line

È richiesto un impegno part-time a progetto della durata di min. 3 max. 6 mesi presso una delle redazioni locali di Europocket TV.
Si offre una borsa di studio del valore di 500,00 euro mensili; un corso di formazione iniziale di quattro settinane a Roma (vitto e alloggio a carico di Europocket TV); rimborsi spese di missione.
Requisiti per la candidatura di redattore:

  • età inferiore ai 30 anni (fino a 29 anni compiuti)
  • laurea (preferibilmente in comunicazione, lettere, lingue straniere)
  • ottima conoscenza della lingua inglese sia scritta che parlata (gradita anche seconda lingua francese o spagnola)
  • esperienza – anche minima – di scrittura giornalistica
  • abilità di scrittura in lingua italiana, buona dialettica, buone capacità comunicative
  • dimestichezza nell’uso di MAC e PC

Le candidature devono pervenire esclusivamente via e-mail all’indirizzo [email protected] entro e non oltre il 15 Luglio 2010
L’oggetto della e-mail, pena l’esclusione dalla selezione, deve contenere la seguente dicitura:
candidatura redattore sede di “nome della città prescelta” (esempio: candidatura redattore sede di roma)
E’ possibile avanzare candidatura per una sola città, tenendo conto che sarà richiesta la frequenza fisica della redazione per circa 18 ore a settimana.
All’e-mail di candidatura va allegato, pena l’esclusione: il proprio curriculum con foto formato tessera e una lettera motivazionale.
Requisiti per la candidatura di operatore video:

  • età inferiore ai 30 anni (fino a 29 anni compiuti)
  • esperienza nell’uso di telecamere professionali
  • conoscenza delle tecniche di regia audiovisiva
  • uso avanzato di programmi di montaggio audiovisivo, compositing, color correction, titolazione e compressione video
  • conoscenza ed uso delle principali applicazioni di grafica e degli strumenti di upload per il web
  • gradito diploma di accademia/scuola di cinematografia o affini

Le candidature devono pervenire esclusivamente via e-mail all’indirizzo [email protected] entro e non oltre il 15 Luglio 2010
L’oggetto della e-mail, pena l’esclusione dalla selezione, deve contenere la seguente dicitura:
candidatura tecnico sede di “nome della città prescelta” (esempio: candidatura tecnico sede di roma)
E’ possibile avanzare candidatura per una sola città, tenendo conto che sarà richiesta la frequenza fisica della redazione per circa 18 ore a settimana.
All’e-mail di candidatura va allegato, pena l’esclusione: il proprio curriculum vitae e una lettera motivazionale. Inoltre, eventuali link (no allegati) a materiali video o multimediali già realizzati.


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Phratris: serious game

Next Article

Sapienza: fuori corso e in corso per l'a.a.2010/2011

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.