RealD annuncia la nuova campagna Education #EmozioninRealD3D

#EmozioninRealD3D al cinema contro il bullismo tra i più giovani
Parte da Milano il 25 maggio la nuova iniziativa itinerante di RealD ideata per riflettere, attraverso la visione di un film in 3D, sulle emozioni che provano i giovani di oggi e su come, se mal gestite, possano portare alla diffusione di un fenomeno negativo come il bullismo.
#EmozioninRealD3D è un tour itinerante dedicato ai ragazzi delle scuole medie e alle loro famiglie e organizzato in collaborazione con Pepita Onlus, cooperativa sociale attiva da oltre dieci anni nella realizzazione di attività di prevenzione del fenomeno del bullismo. La novità di quest’anno è che i giovani partecipanti, dopo la visione di un film in 3D e un approfondimento su questa tecnologia in continua innovazione, sono guidati in un workshop ludico di comprensione e consapevolezza delle emozioni, a partire da quelle provate durante la visione del film. Non solo, l’iniziativa è rivolta anche ai genitori che possono accompagnare i figli al cinema e, insieme, riflettere sull’importanza del tema del rispetto e della comunicazione.
In particolare, gli educatori di Pepita invitano i ragazzi a creare e risolvere situazioni reali in cui il rispetto, per se stessi e per gli altri, viene a mancare, attraverso un gioco appositamente ideato con le carte, divise in categorie: personaggi, situazioni, oggetti e parole. Dalle parole i ragazzi, suddivisi in gruppi, sono accompagnati nella costruzione di diverse storie. Partendo da alcune suggestioni e dai vissuti dei componenti dei diversi gruppi, compongono poi racconti il cui filo conduttore è, appunto, la mancanza di rispetto. Insieme agli educatori, hanno la possibilità di affrontare le sfumature emotive legate alle diverse situazioni di criticità, cercando di trovare le soluzioni più adatte a superarle. Quando ciascun gruppo ha completato la propria storia, questa viene condivisa con il gruppo successivo in senso antiorario. Questo gioco permette di testare e verificare soluzioni diverse che aiutano i ragazzi a delineare un panorama più vasto che comprende molteplici situazioni della vita reale. Nel motivare ciascuna soluzione possibile, il gruppo è, infatti, sensibilizzato sul valore della condivisione e sull’importanza dell’empatia per comprendere l’altro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Festival dei Diritti Umani: Ogni parola ha conseguenze. Ogni silenzio anche

Next Article

Ticket Welfare

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).