Raul Bova nudo testimonial di una campagna contro l’HIV

 

L’attore Raoul Bova, è il nuovo volto della campagna 2012-2013 per la lotto contro l’aids. L’attore si mette ‘a nudo’ su ‘Chi’ parlando di prevenzione ed uso del preservativo. “La copertina- commenta Bova-  racchiude il messaggio che vogliamo trasmettere, vale a dire l’importanza della prevenzione e l’uso del preservativo nei rapporti sessuali occasionali, sia etero sia omosessuali”. Raoul Bova, è anche regista di uno spot promosso dal ministero della Salute, e in esclusiva sul settimanale invita tutti alla prevenzione: “Da tempo – spiega – cerco di dare il mio contributo per ricordare malattie spesso dimenticate, perché penso che la ricerca sia fondamentale. E’ importante parlarne anche perché, nel caso dell’Aids, si ha la sensazione che le nuove generazioni non conoscano i rischi del contagio. Io, per esempio, ho un rapporto molto diretto con i miei figli, parlo con loro, e penso che ogni genitore debba spiegare, oltre all’amore e ai sentimenti, che cos’é il sesso, lavorando in modo congiunto con la scuola”. L’attore, nella lunga intervista, spiega anche la posizione della chiesa dicendo: “Riguardo poi alla posizione della Chiesa, si sta avvicinando alla modernità, ha abbandonato certi concetti antichi e credo che concordi sul fatto che, prima di tutto, la vita umana vada salvata. E’ ovvio che una condotta di vita attenta sarebbe auspicabile, ma anche un unico rapporto può costare una malattia, anche per questo nella campagna abbiamo puntato sull’uso del preservativo”. E poi, conclude, “la ricerca deve andare avanti perché l’Aids è sempre un’emergenza”.

Giovanna Padalino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Arriva baguetting, la moda che spopola nel 2013

Next Article

Tra successi e fallimenti, le buone intenzioni del ministro Profumo

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"