Ragusa, botte in classe ad alunni: arrestate due maestre di una scuola materna

Per le due donne sono stati disposti i domiciliariDue maestre di una scuola materna di Vittoria, nel Ragusano, sono state arrestate dalla polizia per maltrattamenti ai danni di bambini a loro affidati. Secondo l’accusa avrebbero insultato, umiliato, spintonato, strattonato e percosso alcuni bambini indifesi. Nei loro confronti gli agenti del locale commissariato e della squadra mobile di Ragusa hanno eseguito un’ordinanza del Gip che ha disposto per le due maestre gli arresti domiciliari.
“Quotidianamente e senza alcun motivo le donne insultavano, umiliavano, spintonavano, strattonavano e percuotevano” i bambini, afferma la polizia, che ha videoregistrato gli episodi.  Il provvedimento restrittivo emesso dal Gip di Ragusa, su richiesta della locale Procura, riguarda due maestre di scuola materna di 59 e 54 anni.
Nel fascicolo dell’inchiesta sono stati acquisiti i filmati registrati da telecamere nascoste nella classe dalla Polizia, dopo che erano state avviate indagini in seguito a una segnalazione ricevuta. Nei video, sottolinea la Questura di Ragusa, emergono “le gratuite ed inaudite violenze fisiche e verbali ai danni dei bambini”.
tgcom
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, inserimento dei diplomati nel mondo del lavoro: Istituti professionali in testa. Pubblicato l’approfondimento statistico

Next Article

Ed. fisica anche nella scuola primaria, Viceministro Ascani si impegna a portare a termine disegno di legge

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.