Quello che vogliono le aziende

Scegliere il proprio percorso di studi è importante, soprattutto dopo la maturità, ma se poi la nostra decisione si dovesse rivelare sbagliata semplicemente perché in quel campo non c’è richiesta? Forse è bene farsi un’idea di ciò che il mercato offre prima, e non dopo, per evitare di “mangiarsi le mani” una volta che vi sarete messi alla ricerca di una nuova occupazione.
Secondo indagini condotte sul mercato del lavoro nel nostro Paese, esistono davvero dei profili che sono diventati sempre più ricercati dalle aziende e altri che subiscono delle battute di arresto.
Un campo che continua ad avere richiesta è senza dubbio quello della ristorazione: cuochi, camerieri, baristi e, in generale, tutte le figure professionali del campo, sono profili richiesti quotidianamente.
Tra le figure più richieste restano tutte quelle dell’area commerciale: sales manager, asset manager, key account manager, profili lavorativi dinamici in gradi di produrre risultati economici in tempi brevi.
Ancora alta la richiesta di informatori scientifici per il settore farmaceutico e sale anche il trend per figure sanitarie quali logopedisti, fisioterapisti e direttori sanitari. Non si può poi naturalmente dimenticare tutto l’indotto proveniente dalla digitalizzazione. Il settore informatico, quello delle nuove tecnologie, così come la comunicazione legata ai nuovi mezzi, generano professionisti di vario tipo impiegati su più fronti.
Non vede crisi nemmeno il settore dell’edilizia e, più in particolare, tutti quei mestieri fisicamente faticosi che sicuramente hanno poco appeal verso i più giovani. Un tendenza sottolineata da più osservatori è comunque quella di un diverso approccio al lavoro. Flessibilità e dinamismo, autoimprenditorialità sembrano le caratteristiche più richieste dal mercato attuale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Riina libero prima di morire? La parola agli studenti

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 8 giugno

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.