Quei brevetti chiusi nel cassetto

brevettato.gifIl sottosegretario alla Salute Ferruccio Fazio ha evidenziato un dato di fatto: i ricercatori italiani depositano molti brevetti per le loro scoperte, ma poi finiscono per utilizzarli troppo poco. E la situazione va affrontata senza ulteriori indugi.
«Tutto questo avviene per una serie di motivi – ha sottolineato il sottosegretario, ieri a Milano a margine della presentazione di un rapporto sulle priorità nazionali della ricerca industriale – innanzitutto non è chiara la proprietà intellettuale dei brevetti stessi, e questo è un aspetto che va chiarito. Il secondo aspetto, che deriva dal primo, è che il ricercatore che ha fatto un certo tipo di brevetto teme quasi che, utilizzandolo, vada contro gli interessi dell’università, perché non sono chiari i percorsi. Io credo che i percorsi vadano chiariti, e i rapporti tra università e industria debbano essere resi trasparenti e trasparentemente collaborativi».
Alla domanda se per risolvere la situazione serva modificare la legge sui brevetti, o se la loro scarsa utilizzazione sia dovuta alla ‘ignoranza’ dei ricercatori su come utilizzarli, Fazio ha concluso che «non è questione di ‘ignoranza’ del ricercatore, semmai è questione del sistema che non è sufficientemente oliato. Potrebbe anche darsi che convenga pensare a una normativa diversa, ma comunque questo è un problema da affrontare».

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Febbre suina, Italia in allerta

Next Article

L'Aquila, ricostruzione "vigilata"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).