Quando l’università è Slow Food

Preservare l’alimentazione regionale e tradizionale promuovendo un nuovo modello alimentare, rispettoso dell’ambiente e della biodiversità, ma anche della tradizione dell’identità culturale dei popoli. Con questo obiettivo, l’Universitat Oberta de Catalunya (Uoc) è entrata a fare parte della rete Slow Food, presente in 132 Paesi e alla quale aderiscono 100.000 membri, fra cui 133 università in tutto il mondo.

Preservare l’alimentazione regionale e tradizionale promuovendo un nuovo modello alimentare, rispettoso dell’ambiente e della biodiversità, ma anche della tradizione dell’identità culturale dei popoli. Con questo obiettivo, l’Universitat Oberta de Catalunya (Uoc) è entrata a fare parte della rete Slow Food, presente in 132 Paesi e alla quale aderiscono 100.000 membri, fra cui 133 università in tutto il mondo.
Grazie all’accordo firmato dal rettore della Uoc, Imma Tubella, e il presidente di Slow Food, Carlo Petrini, l’ateneo catalano svilupperà programmi di scambio di studenti e personale docente e progetti collegati all’educazione e al sostegno a comunità locali di produttori. La Uoc collaborerà inoltre alle attività e alle iniziative di Slow Food, a partire da quelle organizzate da Terra Madre, la rete di università e di centri di ricerca associati al movimento fondato nel 1986 da Carlo Petrini, della quale fanno parte, fra le altre, l’Università di Deusto (Bilbao) e La Sorbona di Parigi. L’Uoc è nata quindici anni fa, promossa dal governo catalano, come università a distanza di qualità, con docenza e corsi impartiti esclusivamente in internet.
Pioniera nel suo campo in Europa – informano fonti dell’ateneo -, è considerata un modello di riferimento internazionale per il suo metodo pedagogico e di apprendimento, basato esclusivamente sull’interazione on-line. Col protocollo d’intesa, l’ateneo catalano si impegna a integrare la filosofia di Slow Food in tutti i programmi impartiti dall’Area di Sistemi alimentari, cultura e società, in quelli di master e di post laurea, a cominciare dai corsi già avviati come ‘Food Society and International Food Governancè, per finire a quelli come ‘Alimentazione, cultura e territoriò o ‘Agricoltura ecologicà, che saranno inaugurati nel 2011.
«Con la firma dell’accordo, la Uoc vuole unirsi al patto internazionale per la qualità alimentare, la cultura culinaria e il localismo», dice Imma Tubella. Terra Madre è un progetto concepito da Slow Food, che riunisce tutti coloro che fanno parte delle filiera alimentare, per difendere insieme agricoltura, pesca e allevamento sostenibili e preservare il gusto e la biodiversità del cibo. Ed ha il suo fulcro nella convinzione che «mangiare è un atto agricolo e produrre è un atto gastronomico».
Una filosofia basata non solo sui piaceri della tavola e il buon cibo, ma anche sulla difesa delle culture locali di fronte alla omologazione imposta dai sistemi moderni di produzione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, sei ancora nostra?

Next Article

Innovation Camp: business a Roma Tre

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".