QS World University Rankings e la debacle dell’Italia: nessun ateneo si piazza tra le migliori 100 università al mondo

Pubblicata una delle classifiche universitarie più importanti al mondo: il nostro Paese resta fuori dalle prime cento posizioni. Si salva soltanto il Politecnico di Milano che si piazza al 139esimo posto. Tra le prime 300 ci sono anche Bologna, Sapienza e Padova.

Il campanello d’allarme era suonato con l’esclusione da parte del Regno Unito dei laureati negli atenei italiani dalla lista degli studenti “eccellenti” da poter far entrare liberamente per studio o lavoro. Oggi però la conferma che la reputazione delle università italiane non sia delle migliori arriva dall’edizione 2023 del QS World University Rankings che include solo quattro atenei nostrani nella top 300 e nessuno nella top 100. A guidare la truppa delle università italiane c’è il Politecnico di Milano che si conferma per l’ottavo anno consecutivo miglior università italiana passando dal 142esimo posto dello scorso anno al 139esimo attuale. Gli altri tre atenei tra i primi 300 sono l’Alma Mater Studiorum di Bologna (167), la Sapienza di Roma (171) e l’Università di Padova (243).

Delle 41 università classificate, 6 migliorano e 21 peggiorano, mentre 14 rimangono stabili. Il punteggio viene calcolato sommando la performance di ogni ateneo in sei indicatori, tra i quali reputazione, servizi e collaborazioni internazionali. Il Politecnico di Milano spicca in particolare nelle preferenze dei datori di lavoro, che piazzano l’istituto lombardo all’80esimo posto dell’indicatore specifico. Il Politecnico di Torino, è la seconda università italiana più apprezzata dai 99.000 datori di lavoro internazionali che hanno partecipato al sondaggio di QS, e si posiziona al 196esimo posto in questo criterio.

Sei università italiane si classificano tra le Top-500 al mondo per la considerazione e la fiducia che hanno ottenuto dai datori di lavoro internazionali. A premiare maggiormente l’Italia è l’indicatore “Academic Reputation” che si basa sull’opinione di 150 mila accademici, docenti e ricercatore internazionali. Tre atenei italiani sono nella top-100, con Bologna che guida la classifica tricolore al 73esimo posto. Seguono Sapienza (74esimo) e Politecnico di Milano (96esimo). L’Italia, poi, arranca in termini di capacità didattica, a causa di classi universitarie mediamente affollate, con una sola università che si posiziona tra le prime 300 al mondo. Tuttavia, l’Università Vita-Salute San Raffaele, che si colloca al 436esimo posto assoluto, registra un risultato eccellente in questo criterio, posizionandosi al 30esimo posto per il rapporto docenti per studenti.

Una delle novità introdotte nella classifica 2023, ancora senza punteggio, è quella dell’occupazione degli studenti laureati che vede solo tre italiane tra le prime 500 università: Sapienza, Alma Mater Studiorum di Bologna e Politecnico di Milano. In termini globali a dominare la classifica mondiale delle migliori università è ancora una volta l’Istituto di tecnologia del Massachusetts (Mit), per l’undicesimo anno consecutivo in vetta al ranking. Cambridge sale al secondo posto, mentre Stanford resta ferma al terzo. Scende, dal secondo al quarto posto, l’università di Oxford. La top 10 è dominata da Usa e Regno Unito, con l’unica eccezione dell’Istituto federale di tecnologia di Zurigo che si piazza in nona posizione.

LEGGI ANCHE:

Total
3
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La scuola chiude per disinfestazione nell'ultimo giorno: saltano le ultime interrogazioni. Ira di studenti e genitori

Next Article

Maturità 2022, la sentenza Tar: resta l'obbligo di mascherine durante l'esame di Stato

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.