Prove Invalsi, gli studenti alzano la voce: “Boicottaggio alto, il MIUR racconta bugie”

prove invalsi

Ieri gli studenti e gli insegnanti hanno boicottato le prove Invalsi somministrate nelle classi seconde degli istituti secondari di II grado. Unamobilitazione diffusa, per la prima volta realmente capillare e partecipata da migliaia di studenti. Le dichiarazioni di Danilo Lampis al Corriere dell’Università

 
“Hanno boicottato le prove più del 30% delle classi – dichiara Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti -. Il MIUR dichiara una percentuale falsa, che si riferisce a dati campione di classi rigidamente controllate dagli ispettori ministeriali o da Dirigenti scolastici pro-Invalsi. Invece di capire le ragioni della protesta continuano imperterriti a seguire una strada che svilisce sia i docenti che gli studenti”.

“Sin dalle prime ore del pomeriggio abbiamo iniziato a ricevere segnalazioni da parte di studenti minacciati da professori o dirigenti per la mancata compilazione dei test” – continua Lampis – “Ritenendo inaccettabili questi atti abbiamo provveduto ad avviare uno sportello SOS INVALSI, attivo dalle 10 alle 18 allo 06/69770332 o scrivendo a [email protected]. Ribadiamo che è fatto divieto di risalire al singolo studente, sfruttando il codice alfanumerico del test, per attribuirgli voti su registro o sanzioni disciplinari: le prove, lo dice la normativa sulla privacy diffusa dallo stesso Istituto, devono essere totalmente anonime. Inoltre essendo attività ordinaria non obbligatoria, al pari di gite e attività pomeridiane, i test devono essere approvati dagli organi collegiali e la partecipazione degli studenti è completamente libera”.

“Mentre migliaia di studenti davano una lezione di democrazia al Governo, la ministra Giannini ha pensato bene di confermare le nostre paure. Ha dichiarato infatti che procederà ad una rivisitazione del contratto degli insegnanti all’insegna delle tre parole d’ordinevalutazione, merito e premialità” – conclude nella nota l’UdS – “Considerando la volontà esplicitata nel DEF 2014 di legare questi tre fattori al raggiungimento degli obiettivi sugli INVALSI si apre una preoccupante deriva aziendalistica della scuola e di messa a competizione dei docenti, nonché un attacco diretto alle istanze degli studenti. Non faremo passare questa proposta, stiamo già pensando a nuove iniziative di mobilitazione! Le idee per un’alternativa di valutazione ci sono e vedranno uniti studenti e docenti”.

Ecco una delle tante foto segnalate nelle classi da parte degli studenti

a carogna

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Notte dei Musei, rischio scongiurato: il Colosseo sarà aperto

Next Article

Concorso pubblico per l'assunzione di 58 professori all'Università di Cagliari

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident