Prostituzione forzata nei lager femminili

Ultimi giorni per visitare la mostra gratuita “La Prostituzione forzata nei lager nazisti” a Roma.

Ultimi giorni per visitare la mostra gratuita “La Prostituzione forzata nei lager nazisti” presso il Museo della Liberazione di via Tasso, a Roma.
La mostra, presentata dalla cooperativa Befree e creata dal gruppo “Die Aussteller” di Vienna insieme a un gruppo della Universität der Künste Berlin, illustra la costrizione alla prostituzione subita da molte prigioniere del regime nazista, rendendo nota una pagina di estrema crudeltà rimasta finora ignota alla conoscenza e coscienza civile e politica di gran parte di noi.
Ospitata per circa due anni presso il campo di concentramento femminile di Ravensbrück, la mostra contiene circa 200 pannelli con interviste a testimoni del tempo e documentazione sull’organizzazione burocratica della prostituzione forzata, comprese copie dei “buoni premio” che i prigionieri di sesso maschile ricevevano dalle SS per una “visita al bordello” come ricompensa per la buona condotta all’interno della macchina lavorativa concentrazionaria.
Offre altresì materiali di conoscenza importanti per capire la valenza dell’istituzionalizzazione della prostituzione forzata nell’ambito del regime Nazionalsocialista, come elemento teso a creare consenso e a rafforzare la dittatura.
Orario
Martedì-domenica: 9.30 – 12.30.00;
Martedi giovedì venerdì: 15.30-19.30

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Par Condicio: tasto “mute” della TV

Next Article

Mc Queen, lutto nel mondo della moda

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.