Web designer, programmatori, sistemisti alla DigitPA

Programmatori,sistemisti, esperti in servizi, infrastrutture e tecnologie per la DigitPA. Aperti i bandi pubblici.

Importante occasione per i professionisti dell’ICT, DigitPA, ente pubblico non economico, con competenza nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nell’ambito della pubblica amministrazione, apre le selezioni per le seguenti figure professionali, competenti nel settore ICT:
Sistemista Linux/Open source
Esperto di applicazioni grafiche e multimediali

Analista programmatore PHP e Java
Web designer
esperti di monitoraggio per grandi progetti

Tipologia di contratto: incarico di collaborazione coordinata e continuativa.  28.000 euro netti all’anno, per almeno due anni, contratto rinnovabile.
Sede di lavoro: Roma
Candidature: E’ necessario leggere attentamente l’avviso pubblico e il modulo di iscrizione per valutare i requisiti , consultando il sito del digitPA

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CV in rete. Insegnanti sotto esame

Next Article

ItaliaCamp: esponi, ascolta

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.