CV in rete. Insegnanti sotto esame

I curricula degli insegnanti saranno pubblicati sul sito internet del ministero dell’Istruzione a partire dall’inizio del 2011. Lo rivela il «Corriere della Sera», spiegando che l’obiettivo sarà di consentire a genitori e studenti la scelta della scuola più adatta alle proprie esigenze. Oltre ai dati anagrafici, di ogni professore saranno rese note una serie di informazioni standard: titoli di studio, abilitazioni, esperienze lavorative passate e presenti, eventuali pubblicazioni, specializzazioni e certificazioni, «con particolare riferimento alle lingue straniere e alle competenze informatiche».


 I curricula degli insegnanti saranno pubblicati sul sito internet del ministero dell’Istruzione a partire dall’inizio del 2011. Lo rivela il «Corriere della Sera», spiegando che l’obiettivo sarà di consentire a genitori e studenti la scelta della scuola più adatta alle proprie esigenze. Oltre ai dati anagrafici, di ogni professore saranno rese note una serie di informazioni standard: titoli di studio, abilitazioni, esperienze lavorative passate e presenti, eventuali pubblicazioni, specializzazioni e certificazioni, «con particolare riferimento alle lingue straniere e alle competenze informatiche».
Dalle materne alle superiori, dai precari a quelli di ruolo, la nuova «Anagrafe nazionale telematica dei docenti» comprenderà tutti gli insegnanti d’Italia, quasi un milione di persone. Gli uffici scolastici regionali e provinciali riempiranno le voci dell’Anagrafe, che saranno poi controllate dai diretti interessati. Due giorni fa il Consiglio superiore della pubblica istruzione ha dato il via libera al provvedimento, che nelle prossime settimane sarà trasmesso alle commissioni parlamentari, per poi passare al consiglio dei ministri.
Fonte: Adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università e Media: l’auspicio di un’alleanza.

Next Article

Web designer, programmatori, sistemisti alla DigitPA

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"