Progetto Vulcanus 2016: borse di studio da oltre 14 mila euro per giovani europei

Borse di studio del valore di oltre 14 mila euro annue con il progetto Vulcanus – Il Centro europeo di cooperazione industriale con il Giappone ha bandito la nuova edizione del progetto Vulcanus, che permetterà a giovani studenti europei di partire alla volta del paese del sol levante per uno stage retribuito di otto mesi.

Il progetto Vulcanus, infatti, mette a disposizione borse di studio del valore di 1.900.000 yen (attualmente circa 14.300 euro). Il programma, avviato fin dal 1997, consiste in una settimana di seminario, quattro mesi di corso intensivo di lingua giapponese e di otto mesi di stage presso un’impresa giapponese. I ragazzi che riusciranno a vincere le borse di studio inizieranno il progetto il primo settembre del 2014 per finire il 31 agosto del 2015.

Alla selezione possono partecipare i cittadini dell’Unione Europea iscritti a facoltà tecniche o scientifiche, che siano almeno al quarto anno di studio del loro corso universitario. Sono particolarmente invitati a prendere parte al progetto gli studenti in ingegneria e quelli di aree come biotecnologie, elettronica, telecomunicazioni, fisica e chimica.

I candidati verranno selezionati sulla base del loro percorso universitario, le valutazioni dei loro docenti, dalla conoscenza (scritta e parlata) della lingua inglese, dalle loro motivazioni e anche dalla capacità di adattarsi a culture differenti.

Ogni anno sono circa trenta gli studenti che vengono selezionati, da tutto il mondo, per il progetto Vulcanus. Tra le imprese partecipanti al progetto Vulcanus ci sono Mitsubishi, NTT, Hitachi, NEC Corporation e Fujitsu.

Il termine ultimo per presentare le domande è fissato al 20 gennaio 2016. Maggiori informazioni e la modulistica per partecipare le trovate al sito del programma Vulcanus.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Anticipati i risultati dell'Abilitazione Scientifica Nazionale: la denuncia di un ricercatore

Next Article

Ingegneri, uno su dieci ce la fa, ma all'estero

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).
Leggi di più

Ingegneria industriale, Medicina e Farmacia: ecco la lauree che fanno guadagnare di più. Male Psicologia e Scienze della formazione

Secondo il 24esimo rapporto di AlmaLaurea ci sono sostanziali differenze nel livello degli stipendi tra laureati: soprattutto per chi ha scelto un percorso di studio in ambito ITC e nuove tecnologie la retribuzione sfiora i 1900 euro al mese mentre i laureati in ambito umanistico guadagnano in media 500 euro in meno.