Progetto sport coca-cola. In campo 38mila studenti laziali

Schermata 2013-05-13 a 10.37.22

Promuovere e diffondere tra le giovani generazioni uno stile di vita sano, attivo e sostenibile attraverso la passione per lo sport. Con questo obiettivo si e’ concluso al Salaria Sport Village di Roma, in collaborazione con il Csi, le finalissime regionali del torneo di calcio a cinque ‘Coca-Cola Cup – Mettiti in gioco’, progetto ludico-educativo organizzato da Coca-Cola in Italia e rivolto alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado.

Il progetto ha coinvolto 270 scuole e 38mila studenti laziali. Ad aggiudicarsi la vittoria, sette ragazzi dell’ Istituto Tecnico Industriale ‘Don Giuseppe Morosini‘ di Ferentino (Fr) e sette ragazze dell’Istituto Magistrale ‘Santa Rosa’ di Viterbo: vincitori tra le 80 squadre, 56 maschili e 24 femminili, classificate al torneo regionale. I vincitori di queste due diverse categorie di prove trascorreranno tre giorni alla scoperta di Juventus, campione d’Italia: una vera e propria full immersion nel mondo del calcio con la visita allo Juventus Stadium.

Alla comunita’ degli studenti del Liceo Scientifico ‘G.Pellecchia’ di Cassino (Fr) che si sono qualificati al primo posto nella prova creativa di classe sul tema del riciclo come impegno sociale, Coca-Cola donera’ un campo di calcetto realizzato per il 45% con Pet riciclato (Rpet), pari a oltre 57mila bottiglie di Coca-Cola da 500ml, e per il 55% con Pet vergine, inaugurato in autunno alla presenza delle autorita’ locali. Il progetto prevede il rifacimento di un’area di gioco gia’ esistente di 800 mq per un importo di circa 45mila euro. I prossimi appuntamenti con Coca-Cola Cup saranno sabato 18 maggio allo Sporting di Agnano-Pozzuoli (Na) e sabato 25 maggio al Cus di Padova per le finalissime che proclameranno i vincitori delle due regioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ecco il progetto che trasforma l'energia solare in gas

Next Article

Roma Tre, al via l'elezione del nuovo rettore

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident