Profumo, confronto con i sindacati Nessun aumento delle risorse

Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Francesco Profumo si è dichiarato disponibile al confronto. Ma precisando <<che non ci saranno risorse aggiuntive>>. Lo riferisce la Flc-Cgil al termini dell’incontro che lo stesso ministro ha avuto con i sindacati in materia di ricerca.

<<Il ministro – riferisce ancora il sindacato – ha proposto un percorso di confronto su tavoli tecnici per approfondire le necessità del settore. Come Flc-Cgil abbiamo sottolineato cinque questioni prioritarie: l’aumento delle risorse perché gli enti sono al collasso, le assunzioni dei precari e il nuovo reclutamento perché abbiamo un numero di ricercatori tra i più bassi in Europa, la necessità di sospendere il nuovo sistema di valutazione che penalizza il prodotto degli enti di ricerca e la follia della legge Brunetta, la necessità di intervenire sulla governance del settore massacrata dalla Gelmini, il rilancio della contrattazione collettiva nel settore>>. La questione delle risorse è per la Flc-Cgil, <<un punto debole su cui chiederemo con forza e con l’iniziativa un ripensamento>>.
Fonte: Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti a d'Alessandro: "il nostro futuro?"

Next Article

Nasce l’esperto nelle relazioni internazionali dello spazio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.