Professioni sanitarie: 27mila posti in palio

 Sono 27mila i posti disponibili per diventare infermiere o fisioterapista. Ma domani, 8 settembre, saranno oltre 123 mila gli studenti che proveranno ad entrare in uno dei tanti corsi delle professioni sanitaria. Solo gli aspiranti fisioterapisti sono 35 mila, contro 2.200 posti disponibili: 16 domande per un posto. Un numero di poco superiore (+2,1%) alle 121 mila domande dello scorso anno su 28 mila posti.Secondo l’Osservatorio della Conferenza nazionale dei corsi di laurea delle professioni sanitarie per gli ultimi 2 anni si ha un posto ogni 4 candidati. Tra le città che hanno raccolto più richieste ci sono Cagliari e Palermo, con un rapporto di domande su posti di 11 e di 10, seguite da Bari e Foggia a 8,5 e Messina a 8. Al contrario i rapporti più bassi riguardano Verona con 2,6, Vercelli-Novara con 2,9 e Roma Sapienza a 2,9 (stima sullo scorso anno). La maggioranza delle Università è nel range 3,3-6,4. Per iscriversi al corso di laurea bisognerà comunque passare il test d’ingresso e rispondere a domande di cultura generale, logica, biologia, chimica, fisica e matematica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli indignados di Piazza NavonaAteneiinRivolta: “Noi la crisi non la paghiamo”

Next Article

Napoli città della pace

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.