Prof di matematica candidata al Nobel dei docenti: "Insegno la bellezza dei numeri"

La professoressa Calimari, 54 anni, insegna al Vittorio Veneto di Milano da 30anni. Ed è l’unica italiana tra i 50 finalisti al premio da un milione di dollari che verrà assegnato in marzo a Dubai per il Global Teacher Prize. Il premio verrà assegnato tra 40mila candidati di 173 Paesi. La prof insegna la magia dei numeri che può trsformare chi li usa in una rockstar. “Sono nata in via ercano, in una casa di ringhiera – racconta al Corriere Della Sera -. I miei genitori avevano studiato solo fino alla quinta elementare. Mi sono data da fare e con passione e fatica sono arrivata alla laurea, scegliendo come indirizzo la didattica: volevo resistuire ciò che avevo appreso”. E così ha rifutato offerte di aziende affamate di matematici e informatici: “Ho ricevuto quattordici telegrammi il giorno dopo la discussione della tesi. W diverse offerte di lavoro – afferma – ma la carriera da manager non mi interessava seppur meglio retribuita”. 
La matematica e il regionamento come necessità per costruirsi un’opinione e difendersi dalle menzogne, oggi trasposte in fakenew. ” Se hai strumenti per interpretare grafici e dati, nessuno potrà condizionare il tuo modo di pensare”, sostiene. Farè squadra, non coltivare solo gli elementi migliori. “Ogni studente deve avere un proprio programma personalizzato: so da che livello parte e dove voglio portarlo, pianifico attività ed esercizi”. Non solo però studenti ma anche tanta formazione: convegni, formazione di insegnati, libri, scambi di opinione. La prof è stata tra i finalisti della versione italian del “Nobel” dei prof, l’Italian Teacher Prize, ma cosa farà la docente se vincerà il milione di dollari? “Ho tanti progetti, ma quello che ritengo più importante sono corsi di formazione per giovani maestre”, perché  

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 13 dicembre

Next Article

Università di Padova, numero chiuso ad Ingegneria: scoppia la polemica

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident