Privately o Publicaly

“Riservatezza Personale ed Informatica – Privacy”. Inviolabilità dei diritti di libertà e segretezza.

E’ stato presentato presso il circolo Ufficiali dell’Esercito di piazza del Plebiscito il libro “Riservatezza Personale ed Informatica – Privacy” dell’avvocato Giovanni Fausto Piscitelli, direttore dell’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate di Ischia.
Il testo, di stampo giuridico, affronta le tematiche relative all’ inviolabilità dei diritti di libertà, segretezza, corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione. Partendo da un’analisi della normativa vigente e riprendendo uno degli articoli più importanti della nostra Costituzione, l’articolo 15, l’avvocato passa in rassegna le procedure di reclamo e ricorso in caso di violazione, dall’ambito lavorativo a quello a quello sanitario nel rapporto tra medico e paziente, dalla firma digitale al reato informatico. Lo scopo del testo è fornire un mezzo di conoscenza per il cittadino di modo che possa essere informato, ma anche educato all’esercizio di tale diritto/dovere nella vita quotidiana e nella collettività.
Presenti all’iniziativa il Maggiore Gen. Maio Morelli, Comandante Logistico Sud, Antonio Palma, docente della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Napoli Federico II, Alfonso Ruffo, Direttore del quotidiano “Il Denaro”, Amedeo Fantaccione, docente di marketing e comunicazione alla Seconda Università degli studi di Napoli, Giuseppe Cerrota, ginecologo ospedaliero. Coordinatore dei lavori il giornalista Rai Massimo Ravel.
Un’opportunità molto interessante per mettere sul banco delle discussioni una questione, quella della privacy, che nella società attuale acquista sempre più importanza viste le nuove frontiere della difesa dell’identità, dignità e libertà dell’individuo.
Utilizzo di dati genetici, videosorveglianza, controllo e invasione della vita privata mediate sistemi di alta tecnologia come l’Echelon, è in questo scenario che il diritto alla privacy si pone come uno strumento giuridico imprescindibile.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Non licenziate il giornalismo: un giorno, vi salverà

Next Article

Roma, fascisti in piazza e sit-in a sinistra

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.