CNRU invita alla mobilitazione

Il DDL Gelmini è in discussione in Aula alla Camera. Il CNRU afferma che il Governo ha rifiutato ogni dialogo e ogni soluzione migliorativa del DDL.

Il DDL Gelmini è in discussione in Aula alla Camera. Il CNRU afferma che il Governo ha rifiutato ogni dialogo e ogni soluzione migliorativa del DDL senza rispondere alle legittime richieste da parte di tutte le componenti universitarie. L’assenza di dialogo ha confermato le seguenti azioni:
-diminuizione della democrazia all’interno degli atenei;
– aumento delle difficolta’ di inserimento dei piu’ giovani;
– non riconoscimento ai ricercatori universitari il ruolo docente svolto e, anzi, li mette a esaurimento;
– non viene minimamente finanziato e si appresta ad essere approvato in un quadro finanziario disperato per tutto il sistema universitario, quadro di cui non si rende conto non solo il Governo, che continua a tagliare a dispetto di annunci di tenore opposto, ma anche la CRUI, disposta ad accettare comunque questa “controriforma” anche a costo di divenire complice della bancarotta della maggior parte degli atenei.
Di fronte a una CRUI che non rappresenta nemmeno lontanamente il mondo universitario e a un Governo che a dispetto di una situazione politica a dir poco caotica, continua imperterrito come nulla fosse, l’unica risposta per i ricercatori universitari e’ continuare nella protesta con l’astensione dalle attivita’ didattiche frontali, invitando nel contempo i colleghi che hanno deciso di non aderire o si sono ritirati a riprendere la battaglia per non creare quel clima di normalizzazione auspicato dalla CRUI che costituirebbe il miglior modo per far passare sotto silenzio questo DDL concepito contro l’Universita’.
Auspichiamo che anche le altre componenti universitarie continuino a far sentire la loro voce e, proprio per questo, invitiamo tutti alla partecipazione al presidio davanti alla Camera a partire dalle ore 10 di mercoledi 24 novembre 2010.
per il Coordinamento Nazionale Ricercatori Universitari
Annalisa Monaco e Marco Merafina

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Funzionari amministrativi a Napoli

Next Article

Memorie del mondo alla SUN

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.