Presidenza e Ministeri: ecco 120 posti per laureati

Tre concorsi, un’assunzione a tempo indeterminato in palio e 120 posti di lavoro al Ministero. E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando emesso dall’ente Ripam, controllato direttamente da un dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
I posti sono suddivisi in:
• 84 funzionari amministrativo-contabili;
• 19 funzionari tecnici;
• 17 funzionari statistico-informatici.
 
I vincitori dei concorsi saranno, infatti, assunti all’interno di Ministeri, Agenzie e Presidenza del Consiglio.
C’è tempo fino al 15 aprile 2015 (h. 23.59) per inoltrare le domande di partecipazione solo compliando il forum online.
Requisito minimo per poter partecipare al concorso è il possesso di una Laurea Specialistica, Magistrale o di Vecchio Ordinamento, con un punteggio non inferiore a 105. I diplomi di laurea validi sono diversi a seconda del ruolo per cui si concorre. Da Giurisprudenza a Scienze Politiche, da Economia a Conservazione e Restauro, da Ingegneria a Scienze Statistiche. E’ possibile consultarli nello specifico all’interno del bando, articolo 3.
La procedura di selezione prevede diverse fasi: due prove pre-selettive, tre prove scritte e una prova orale. Sarà anche effettuata una valutazione dei titoli posseduti dal candidato e precedentemente dichiarati all’atto della compilazione della domanda online.
Scarica il bando e invia la tua candidatura! bando_ripam_coesione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 31 marzo

Next Article

Università: la programmazione in mano ai docenti a contratto?

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.