Presidenza e Ministeri: ecco 120 posti per laureati

Tre concorsi, un’assunzione a tempo indeterminato in palio e 120 posti di lavoro al Ministero. E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando emesso dall’ente Ripam, controllato direttamente da un dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
I posti sono suddivisi in:
• 84 funzionari amministrativo-contabili;
• 19 funzionari tecnici;
• 17 funzionari statistico-informatici.
 
I vincitori dei concorsi saranno, infatti, assunti all’interno di Ministeri, Agenzie e Presidenza del Consiglio.
C’è tempo fino al 15 aprile 2015 (h. 23.59) per inoltrare le domande di partecipazione solo compliando il forum online.
Requisito minimo per poter partecipare al concorso è il possesso di una Laurea Specialistica, Magistrale o di Vecchio Ordinamento, con un punteggio non inferiore a 105. I diplomi di laurea validi sono diversi a seconda del ruolo per cui si concorre. Da Giurisprudenza a Scienze Politiche, da Economia a Conservazione e Restauro, da Ingegneria a Scienze Statistiche. E’ possibile consultarli nello specifico all’interno del bando, articolo 3.
La procedura di selezione prevede diverse fasi: due prove pre-selettive, tre prove scritte e una prova orale. Sarà anche effettuata una valutazione dei titoli posseduti dal candidato e precedentemente dichiarati all’atto della compilazione della domanda online.
Scarica il bando e invia la tua candidatura! bando_ripam_coesione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 31 marzo

Next Article

Università: la programmazione in mano ai docenti a contratto?

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.